“La vera illegalità è lasciare uno stabile vuoto per anni”


Asia e Bpc rispondono a chi vorrebbe lo sgombero della casa popolare Dodi Maracino: “Lasciare uno stabile vuoto per tre anni è la vera illegalità, requisirlo e darlo alla collettività è un atto per il quartiere”.

06 giugno 2010 - 16:50

In merito al tentativo di sgomberare la casa popolare Dodi Maracino

La requisizione dello stabile di via Legnano

La crisi provoca: disoccupazione, precarietà, emergenza abitativa. La crisi viene fatta pagare ai lavoratori, mentre banche e speculatori continuano a fare profitti. La politica assiste muta a tutto questo, o addirittura è complice di questa situazione.
Migliaia sono oggi a Bologna le famiglie che subiscono l´emergenza abitativa schiacciate da affitti e mutui impossibili, e da una cronica mancanza di case popolari. Oggi nella sola Bologna ci sono 3000 sfratti per morosità. Il tanto sbandierato blocco degli sfratti siglato poche settimane fa in realtà non è altro che un´operazione di immagine che al massimo potrà garantire ai proprietari privati degli incassi. E´ per questo che decine di famiglie hanno deciso di requisire le ex-scuole Mazzini,
ribattezzate “casa popolare Dodi Maracino”. Oggi si parla tanto di democrazia e legalità. Per noi legalità è il diritto all´istruzione, alla sanità pubblica, alla casa, al lavoro. Vogliono criminalizzare chi resiste, chi cerca di organizzarsi per ottenere diritti, o più
semplicemente chi subisce la precarietà sociale.
Lasciare uno stabile vuoto per tre anni è la vera illegalità, requisirlo e darlo alla collettività è un atto per il quartiere e non contro di esso.

Contro la precarietà sociale
Blocco degli sfratti
Più case popolari

Gli inquilini resistenti della Casa popolare Dodi Maracino

ASIA-USB
BolognaPrendeCasa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati