La crisi taglia i redditi


Secondo tutti gli indicatori, nel 2011, le cose non miglioreranno per i redditi. La classe media si sta impoverendo, mentre i ricchi accumulano di più. Si allarga il divario tra “estremamente poveri” e “ultra ricchi”.

02 febbraio 2011 - 16:17

I REDDITI DELLE FAMIGLIE CALANO DEL 2,7%
Secondo il rapporto dell’Istat sul “Reddito disponibile delle famiglie nelle Regioni”, nel 2009, si è registrato un calo del 2,7% del reddito disponibile. Dal 1995 è la prima flessione che si registra, confrontando anno per anno.
Dunque, a causa della recessione, tasso di crescita del reddito disponibile nazionale si è ridotto progressivamente. Per avere un riferimento, nel 2006, cioè prima dell’esplosione della crisi finanziaria, il reddito delle famiglie italiane aveva mostrato una crescita del 3,5%.

PER LA CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI UNA FAMIGLIA SU 3 TAGLIA GLI ACQUISTI ALIMENTARI
Secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2009, una famiglia italiana su tre è stata obbligata a ‘tagliare’ gli acquisti alimentari, mentre tre su cinque hanno dovuto modificare il menù quotidiano. Altro dato significativo è che oltre il 30 %, proprio a causa delle difficoltà economiche, ha comprato prodotti di qualità inferiore. Analoga la percentuale di chi si rivolge ormai esclusivamente alle ‘promozioni’ commerciali, che sono sempre più frequenti soprattutto nella Grande distribuzione.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati