InCassati! / Fini Compressori: bloccati i cancelli


Partito questa mattina il blocco della produzione deciso dai lavoratori ma l’azienda conferma la mobilità per 108 dipendenti. Barricati i cancelli, la protesta andrà avanti ad oltranza, assicurano i lavoratori in lotta.

12 aprile 2010 - 13:08

E’ partito il blocco dello stabilimento Fini Compressori di Zola Predosa, i cancelli sono stati barricati con i cassonetti.

I lavoratori, in sciopero, sono in presidio da questa mattina dalle ore 7.00. Totale l’adesione allo sciopero contro i 108 licenziamenti, la direzione ha confermato con arroganza che le lettere di messa in mobilità verranno spedite mercoledì prossimo. L’assemblea ha deciso la mobilitazione ad oltranza, sarà attrezzato un campo.

La RdB nel sostenere la lotta invita le forze politiche, sociali ed istituzionali ad appoggiare la lotta degli operai ed impiegati e a condannare l’odiosa scelta della Direzione della Fini di rinunciare all’utilizzo degli ammortizzatori sociali per procedere di fatto alla chiusura esternalizzando la produzione.

Chiediamo il ritiro della procedura di mobilità, la proroga già prima prevista della cassa integrazione, l’apertura della trattativa con tutte le organizzazioni sindacali.

RdB Bologna

>  Nell’ambito del progetto inCassati!, promosso da Vag61 in collaborazione con Zic, prosegue la rubrica che raccoglie esperierenze di resistenza e di lotta portate avanti dai lavoratori colpiti dalla crisi.

La redazione di Zeroincondotta

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati