InCassati! / Fiera, si ipotizza un nuovo sciopero a “LineaPelle”


Dopo la disdetta del contratto aziendale, oggi una lunga assemblea non è bastata a decidere le prossime mosse: si continua domani. Intanto, durissima la posizione del Consiglio dei delegati.

05 ottobre 2010 - 20:01

Non e’ bastata la lunga assemblea di oggi. I lavoratori della Fiera di Bologna torneranno a riunirsi domani per decidere come proseguire la mobilitazione contro la disdetta del contratto aziendale da parte della societa’ arrivata giovedi’ scorso. Lo rendono noto i sindacati. Tra le proposte sulle quali i dipendenti dell’expo dovranno pronunciarsi c’è l’ipotesi di uno sciopero in occasione del salone “LineaPelle” (in programma dal 13 al 14 ottobre).

Durissima, intanto, la posizione assunta dal Consiglio dei delegati alcuni giorni fa. Viene il  “il dubbio che la nostra azienda, attualmente- hanno affermato i delegati- sia governata da forze che hanno a cuore solo una rapida ‘liquidazione’ del patrimonio di professionalita’ e competenze acquisite negli anni dai dipendenti”. E questo accade “parallelamente ad un’altrettanto  rapida monetizzazione dell’altro patrimonio ancora esistente, quello immobiliare”. Per i delegati, infatti, “non si spiegherebbe altrimenti la lunga sequenza di decisioni immotivate ed irresponsabili adottate dalla direzione aziendale nell’ultimo periodo”.

Da questo momento, avvertono i delegati, “l’eventuale onere di tutte le conseguenze che scaturiranno da queste scelte ricadra’ sull’attuale governance” che, in un momento di crisi del settore, anziche’ cercare di “rilanciarsi investendo nei propri punti di forza” sceglie di “dichiarare una guerra interna, dagli esiti incerti”. Questa volta pero’, concludono i delegati, non si potra’ “tentare di scaricare sui lavoratori, ovvero nascondere alla citta’ ed alle sue realta’ produttive, i risultati di scelte commerciali miopi, clamorosi errori costati somme ingenti, ignavia e incapacita’ manageriale nei confronti dei diretti competitori”.

> Vai allo speciale di Zic: La Fiera delle precarietà

>  Nell’ambito del progetto inCassati!, promosso da Vag61 in collaborazione con Zic, prosegue la rubrica che raccoglie esperienze di resistenza e di lotta portate avanti dai lavoratori colpiti dalla crisi.

La redazione di Zeroincondotta

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati