In strada una coppia di ragazzi con un figlio in arrivo. L’appello di Piazza Grande.


L’unità mobile di Piazza Grande da alcune settimane sta sostenendo una coppia di ragazzi romeni in attesa di un bambino e che sono costretti a vivere in stazione. Piazza Grande diffonde un appello per aiutarli.

16 giugno 2010 - 15:42

La storia di Adrian e Dorica

Adrian, trent´anni, viene in Italia la prima volta tre anni fa e si era stabilito a Messina dove lavora a lungo come muratore. Nonostante la buona situazione il desiderio di tornare a casa due anni fa lo riporta in Romania, dove trova un paese che sta cambiando enormemente: l’entrata in Unione Europea ha portato i costi alle stelle, disoccupazione diffusa, forti problemi abitativi. Non riuscendo a trovare un lavoro Adrian deve sopravvivere insieme alla sua famiglia di quattro con la misera pensione del padre: cento euro al mese. La sua fidanzata Dorica, ventiquattro anni appena compiuti, è laureata in economia del turismo, è disoccupata e non ha tante speranze per il futuro. Spinti dalle difficoltà sei mesi decidono di partire per l´Italia: stavolta verranno insieme.

Appena arrivati in Italia Adrian cerca di riprendere i contatti che aveva avuto in precedenza, va a Messina ma non trova nessun lavoro. Va meglio a Dorica che trova lavoro come badante di un anziano signore che però le richiede “attenzioni” particolari che lei non è disposta ad accettare. Adrian la convince a lasciare e comincia la loro odissea.

Senza lavoro, senza casa, con pochi soldi, il treno diviene la loro dimora e proprio in questo periodo scoprono di aspettare un bambino. Cercano di risalire la penisola, restano senza mangiare anche per tre giorni e vengono spesso fermati dalla polizia. Proprio su indicazione di alcuni poliziotti per la prima volta arrivano alla Caritas di Formia dove riescono a mangiare qualcosa. Successivamente, sempre alla ricerca di un lavoro, arrivano a Napoli, Salerno, Trento, Modena, Cesena, Rimini: lavoro non ne trovano, ma grazie alle associazioni di volontariato riescono a sopravvivere. Qualche settimana fa il loro viaggio si ferma a Bologna perché privi di biglietto sono costretti a scendere da un treno. Grazie al fortuito incontro con un connazionale passano la prima notte nel sottopassaggio della stazione insieme ad altri otto romeni. In queste settimane a Bologna hanno trovato un minimo di sostegno dalle associazioni e dalle mense per i poveri, ma privi di residenza i servizi sociali non li prendono in carico. Il lavoro non arriva ma il bambino continua a crescere e Dorica non può vivere in strada. L´unica soluzione che le è stata proposta è di andare a dormire in una struttura gestita da suore, dove il suo compagno non può nemmeno entrare. Dorica non si vuole separare dal suo compagno di vita, l´unica persona che in questi mesi non l´ha mai lasciata, e per questo ha deciso di rinunciare al posto. La notte scorsa, come le altre notti, ha dormito nel sottopassaggio della stazione ferroviaria di Bologna.

L´appello di Piazza Grande

Arian e Dorica sono due persone giovani, istruite, che vogliono lavorare per costruire il proprio futuro. In questo momento incontriamo tantissime persone in difficoltà che vivono in strada o hanno una casa ma non sanno come mangiare, ma i due ragazzi sono in un momento di particolare fragilità perché stanno per avere un bambino e la strada non è il posto più adatto per portare avanti una gravidanza. Ci appelliamo ai cittadini bolognesi per chiedere un aiuto a nome dei due ragazzi: hanno bisogno di un lavoro, e di un luogo dove essere ospitati. Grazie.

Info & Contatti

Email: sms@piazzagrande.it

Cell.3355960097

Associazione Amici di Piazza Grande Onlus – Via Corazza 7/8, 40128, Bologna

www.piazzagrande.it

redazione@piazzagrande.it

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati