In due mesi 1.000 disoccupati in più: 75.246 a fine 2011


In un anno gli iscritti ai Centri per l’impiego sono aumentati di 10.000 unità e dell’l’81% rispetto al 2008. La maggioranza (56%) sono donne e 22.959 sono gli stranieri. Tra i nuovi contratti dilagano quelli precari.

17 marzo 2012 - 14:14

Sul territorio bolognese si contano quasi 1.000 disoccupati in piu’ in soli due mesi, gli ultimi del 2011: se al 31 ottobre gli iscritti ai Centri per l’impiego provinciali erano infatti 74.299, al 31 dicembre la cifra era gia’ salita a quota 75.246. E’ importante sottolineare, però, che cosa si intende in questo caso per “disoccupati”: ai Centri per l’impiego, infatti, si puo’ iscrivere anche chi lavora ma ha un reddito sotto gli 8.000 euro per i dipendenti e i 4.800 per gli autonomi. Inoltre si deve dare l’immediata disponibilità a lavorare (o cambiare lavoro), cioè si perde l’iscrizione e lo stato di disoccupazione se si rifiuta un’offerta di lavoro avanzata dal Centro.

Tornando alle 75.246 persone iscritte al 31 dicembre, c’e’ un aumento di quasi 10.000 unita’ rispetto al 2010 (65.462) ed un incremento dell’81,31% rispetto al 2008. Sul totale delle persone iscritte, 42.018 sono donne (55,84%), in aumento del 74,77% sul 2008.

Gli stranieri sono 22.950 (12.806 le donne), mentre la fascia di eta’ in cui si concentrano piu’ iscritti e’ quella dai 35 ai 44 anni (22.550, di cui 12.865 donne) e poi quella tra i 25 ed i 34 (19.563, di cui 10.962 donne).

Sul totale degli iscritti, 3.590 persone non hanno un titolo di studio (1.799 le donne), 27.675 hanno la licenza elementare o media (14.001), 4.019 un diploma di istruzione professionale (2.304), 20.991 un diploma superiore (12.329), 1.687 un diploma universitario o laurea triennale (1.176) e 9.343 un titolo universitario (6.185). Per quanto riguarda questi ultimi dati, si può notare che più aumenta il livello di istruzione e più aumenta l’incidenza delle donne sul totale dei disoccupati.

Questa, invece, la distribuzione degli iscritti tra i sette Centri della provincia: 32.056 a Bologna, 9.963 a Imola, 8.576 a Minerbio, 4.621 a Porretta Terme, 6.476 a San Giovanni in Persiceto, 5.465 a San Lazzaro di Savena, 8.089 a Zola Predosa.

Nel 2011, infine, si sono registrati 205.751 avviamenti al lavoro (109.049 dei quali riguardanti donne) a fronte dei 197.122 del 2010 (103.579). I contratti a tempo indeterminato sono stati solo 23.815 (8.463 dei quali riguardanti donne, il 53%) e di questi 2.007 sono intermittenti (889). Sono 6.240 gli apprendistati (2.795), 20.287 i lavori a progetto o le collaborazioni occasionali (10.050), 77.869 i tempi determinati (33.749), 2.594 gli autonomi (571), 981 i lavori domestici a tempo determinato (880) e 8.363 quelli a tempo indeterminato (6.875), 29.298 i lavori dipendenti nella pubblica amministrazione a tempo determinato (25.593) e 1.970 quelli a tempo indeterminato (1.526), 29.783 i lavori somministrati (16.702) e 3.197 i tirocini (311).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati