Il 14 dicembre tutt* a Roma: bus da Bologna


I comunicati di Tpo e Bartleby. “Tutti insieme a Montecitorio per per dire che il governo Berlusconi deve dimettersi!”. Le info per prenotare il bus da Bologna.

08 dicembre 2010 - 13:56

Banner.FH11Raccogliamo l’appello di Uniticontrolacrisi per una mobilitazione generale a Roma davanti a Montecitorio per il 14 dicembre, giorno nel quale sarà votata la fiducia al Governo Berlusconi.

Rivolgiamo un appello a tutte le realtà sociali che si stanno mobilitando contro la gravissima situazione provocata dalle politiche governative che con la scusa della crisi stanno distruggendo diritti e territorio. Il 14 dicembre deve essere un giorno in cui la parola passi alle migliaia e migliaia di lavoratori e lavoratrici cassaintegrati e licenziati, agli studenti, ricercatori ed insegnanti che subiscono i tagli della Gelmini, alle popolazioni della Campania sommerse dai rifiuti e agli alluvionati del nord sommersi dalle cementificazioni che provocano i disastri..

A Montecitorio deve sentirsi chiara la voce di quella parte del paese che non ha diritto alle liquidazioni milionarie dei banchieri, che subisce i tagli del ministro Tremonti, perfetto esecutore delle decisioni di un’Europa che vuole far pagare la crisi a chi lavora e premiare chi vive di rendita e speculazione. In questo paese è tempo di dire basta all’impunità dei potenti, che con le loro cricche di affaristi hanno un’unico obiettivo: arricchirsi. Il 14 dicembre deve diventare il giorno della democrazia vera, quella costruita e difesa dai cittadini e non il simulacro con il quale il governo copre e giustifica l’ingiustizia.

Il 14 dicembre facciamo appello anche a tutto il mondo della cultura, della musica, del cinema, del teatro, dell’arte, colpito dai tagli di Bondi che oltre a tesori inestimabili rischiano di far crollare la vita di centinaia di migliaia di persone che vi lavorano.

Invitiamo sotto a Montecitorio coloro che lavorano nel mondo dell’informazione, costantemente minacciati dall’arroganza di Berlusconi, invitiamo coloro che lottano per il diritto alla casa, costretti a vivere per strada mentre chi governa ha perso il conto delle sue proprietà. E’ il tempo dunque che questa italia si faccia sentire, tutta insieme, unita, per dire che il governo Berlusconi non ha nessuna fiducia e deve dimettersi! La caduta dell’esecutivo deve significare anche la caduta di tutte le leggi ingiuste, che privatizzano i beni comuni come l’acqua o che tagliano le risorse da destinare alla società per dirottarle sulle spese di guerra o per grandi opere inutili e dannose.

Il 14 dicembre piazza di Montecitorio toglierà la fiducia, nei fatti e al di là di qualsiasi possibile accordo di palazzo, alle politiche dell’austerity, perchè la crisi devono pagarla coloro che l’hanno provocata, e questo ad esempio tassando le loro rendite finanziarie miliardarie, a favore delle politiche sociali e in difesa di chi lavora e produce ricchezza.

Mobilitiamoci tutti, uniti contro la crisi che vogliono farci pagare, uniti perchè in crisi vada il governo e le sue politiche!

14 dicembre tutti a Montecitorio!

BUS DA BOLOGNA (10 euro andata/ritorno)
Prenotazioni e info
:
051.6493234 – 333.6184031 – tpo@mail.comwww.globalproject.infowww.tpo.bo.it

* * * * * * * * * * * *

L’ approvazione della riforma Gelmini al Senato è stata rimandata a dopo il 14 Dicembre, giornata nella quale migliaia di italiani e italiane faranno sentire sotto Montecitorio la propria sfiducia a questo governo e alle sue politiche. Lo slittamento del DDL Gelmini a nostro giudizio non è leggibile senza fare riferimento a quello straordinario tessuto di manifestazioni, proteste, blocchi e occupazioni che nelle ultime settimane hanno reso palese il fatto che il mondo della formazione e della ricerca rifiuta tale DDL.

E’ stato fondamentale il coraggio, l’indignazione e la fantasia di studenti e precari per mettere in crisi l’ iniziativa del governo. E questa volta vogliamo vincere!

Le manifestazioni, i blocchi del paese, la presa di parola di migliaia e migliaia di studenti e studentesse, di comitati territoriali, di precari/e e operai/e hanno accelerato e catalizzato la crisi “istituzionale”. Con le lotte di Terzigno e di L’Aquila,con le lotte dei migranti, degli operai e degli studenti, si sta aprendo una nuova stagione di democrazia in questo paese, che necessita del protagonismo di ognuno di noi!

Il 14 dicembre facciamo appello a tutto il mondo della cultura, della musica, del cinema, del teatro, dell’arte, delle biblioteche, dei centri di ricerca colpito dai tagli miopi di questo governo.

Il 14 invitiamo tutta la cittadinanza a scendere a Roma insieme a noi studenti, perchè le battaglie per un futuro migliore sono battaglie di tutti, perché chiedere le dimissioni di un governo che toglie dignità e prospettive ad un’intera generazione è un diritto che ognuno deve poter esercitare.

Il 14 L’assedio a Montecitorio potrà essere il simbolo di una nuova voglia di democrazia: dare l’ultima spallata a questo governo ormai illegittimo è per tutti e tutte un importante appuntamento con la scrittura della propria storia a cui non si può mancare!

Portiamo tutta la nostra sfiducia a questo governo, nella consapevolezza che, oltre Berlusconi, starà ancora una volta a noi “ricostruire la politica”, ovvero agire il cambiamento nella vita di tutti e tutte noi. Mandiamo questo invito a venire con noi a tutt@ coloro che credono che in fondo, dentro ai solchi profondi che questa crisi sta scavando, non si possa che ripartire dalla questione sociale per rimettere in cammino le possibilità di trasformazione del nostro presente.

Questo è ovviamente un invito a un viaggio comune, al contempo vuole essere una richiesta di sostegno: Per chi voglia, (singoli, reti, associazioni, sindacati, cooperative, ecc.) aiutarci a sostenere le spese per scendere a Roma può fare riferimento ai seguenti numeri di telefono

Autobus in partenza da Bologna

> info e prenotazioni:

GIULIA 3406307478

MARCO 3351711828

TUTTE E TUTTI A ROMA IL 14 DICEMBRE!

Studenti e ricercatori

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati