I precari della scuola: “Occupare è giusto”


Il Coordinamento dei precari della scuola di Bologna: “Siamo al fianco degli universitari che stanno manifestando in questi giorni e condividiamo le motivazioni di chi occupa le scuole”.

03 dicembre 2010 - 16:10

Come Coordinamento dei Precari della Scuola di Bologna siamo al fianco degli studenti che stanno manifestando in questi giorni contro un progetto di aziendalizzazione dell’Università che rientra nel più ampio progetto di  smantellamento della scuola pubblica.

In particolare condividiamo le motivazioni che hanno portato gli studenti delle superiori ad occupare le loro scuole, perché questa riforma, con la cancellazione dei fondi alle borse di studio e l’istituzione del prestito d’onore, ipoteca il futuro di quei ragazzi “capaci e meritevoli” ma privi di mezzi  economici che avrebbero il diritto di raggiungere i massimi gradi di studio (come recita l’articolo 34 della Costituzione), ma che vedono il loro diritto sottoposto a speculazioni finanziarie.

Pensiamo che la difesa della scuola pubblica passi in questo momento dalla messa in discussione di falsi concetti come merito, valutazione, efficienza con cui si è cercato di giustificare negli anni passati il taglio alla scuola elementare, media e superiore, perché crediamo che dietro a queste parole, che sembrano trovare facile consenso, si nasconda la volontà di dividere, controllare e speculare sulla scuola e su chi ci vive.

I nostri studenti hanno lanciato la loro lotta al grido “riprendiamoci il futuro”, non possiamo che essere con loro perché è anche il nostro futuro. Il futuro di questo paese. Facciamo quindi appello a tutti i colleghi perché siano al fianco dei ragazzi in questi giorni di lotta.

.
Coordinamento Precari Scuola Bologna

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati