Homeless affollano le corsie e il Maggiore chiama la polizia


Dopo il recente sgombero ai Prati di Caprara decine di senza casa cercano rifugio dal gelo all’ospedale, che pensa solo a come cacciarli via.

10 febbraio 2012 - 12:10

Decine di senza dimora affollano da alcuni giorni la sala d’attesa del Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore. Pare molto probabile che si tratti di una conseguenza diretta dello sgombero ai Prati di Caprara di alcuni giorni fa.

“La situazione e’ insostenibile” ha dichiarato il delegato Cgil dei lavoratori del PS. Insostenibile che mentre a Bologna si gela decine di persone siano al di fuori dal piano freddo e costrette a riparere in Ospedale? Macché: “Spesso sono ubriachi, ostacolano il lavoro medico, si mettono a molestare i pazienti e i loro familiari”.

E quindi? “Abbiamo dato disposizioni- dice il direttore medico di presidio Mauro Goletti – di ricorrere all’ordine pubblico che prontamente interviene e che ripone le cose in un ambito di civilta'”.

Non c’è una questione  sociale da affrontare, la vita di uomini e donne senza tetto non è nemmeno argomento di discussione, l’unico piano di ragionamento è chiamare la forza pubblica per spostare il problema da un’altra parte.  Sono proprio tornati i tempi di Cofferati, con gruppi di senza casa e migranti costretti a occupare un posto dopo l’altro, un intervento della polizia dopo l’altro, e l’amministrazione che rifiuta di trovare una soluzione che non passi da ruspe, manganelli, denunce.

> Leggi il nostroeditoriale: “Il palazzo e gli sgomberi sottozero”



  • Articoli correlati