Grecia / Sciopero generale, proteste di massa e assedio al Parlamento


Cinquantamila in piazza contro l’austerity, finora dieci arresti. E’ già il secondo sciopero di 48 ore dall’inizio dell’anno, il paese è paralizzato

19 ottobre 2011 - 19:31

(dal sito di Radio Onda d’Urto)

Oggi si è consumata la prima delle due giornate di sciopero generale in Grecia promosso dai principali sindacati del paese contro il piano di tagli presentato dal governo Papandou su ordine delle istituzioni internazionali. Scontri questo pomeriggio tra manifestanti e polizia in piazza Syntagma ad Atene, dove sono confluiti quattro cortei, nel primo giorno di sciopero generale . 50mila manifestanti sono scesi in piazza nella capitale contro le misure di austerità varate dal governo e contro il multi-disegno di legge che domani sarà votato dal Parlamento, in vista del vertice europeo di domenica a Bruxelles.
Tra le nuove misure che la Grecia dovrà adottare vi sono la riduzione di 30.000 unità nel settore degli impiegati statali entro la fine di quest’anno, il blocco dei contratti di lavoro collettivi e l’imposizione di nuove tasse. Il bilancio finale di questa giornata di scontri secondo la polizia è di 10 feriti tra i manifestanti. I fermi effettuati sinora sono 15 e gli arresti 10.

Lo sciopero di oggi è il quinto dall’inizio dell’anno e il secondo di 48 ore da giugno ed è considerato il più vasto da diversi mesi a questa parte ed ha paralizzato completamente tutto il Paese dopo due settimane in cui si sono succeduti già decine di scioperi settoriali.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati