G8 2001, condanne ai manifestanti: cinque subito in carcere


In Cassazione pene tra i sei e i quattordici anni. Gli altri cinque subiranno un nuovo processo d’appello, ma solo sulla concessione delle attenuanti.

13 luglio 2012 - 21:00

E’ arrivata poco dopo le 20 la sentenza della Cassazione nei confronti di dieci manifestanti al G8 genovese accusati di devastazione e saccheggio. Già stasera, undici anni dopo i fatti, finiranno in carcere in cinque, dove dovranno scontare tra i 6 e i 14 anni di reclusione. Tre di loro hanno visto ridursi di alcuni mesi la pena rispetto a quanto deciso in secondo grado, ma poco cambia.

Restano liberi gli altri cinque, per cui la suprema corte, pur riconoscendoli comunque colpevoli di devastazione e saccheggio, ha disposto il rinvio ad un nuovo processo d’appello, nel quale i giudici saranno tuttavia chiamati a riesaminare il caso esclusivamente riguardo alla concessione delle attenuanti.

> Vai allo speciale: “Le poltrone cambiano, l’ingiustizia resta

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati