Francia / G8 – G20 2011: verso un’assemblea internazionale


A Digione, il 26 e 28 novembre 2010, per costruire «un’ampia mobilitazione» contro il summit e mettere in connessione realtà autogestite «sulla base di pratiche concrete di resistenza e di creazione»

08 ottobre 2010 - 17:50

> Il comunicato:

G8 – G20 2011 in Francia : appello a una riunione internazionale di preparazione

Nonostante i nostri ripetuti desideri di bloccare i loro incontri, nel 2011, a quattro riprese, i più potenti capi di stato si riuniranno ancora una volta in Francia. Nel contesto attuale – sia politico, economico o ambientale – non mancano i motivi di mostrare, su vasta scala, i nostri disaccordi e le nostre alternative.

Ancora un contro summit ?

Siamo assai consapevoli che oggi c’è une sfinitezza delle lotte internazionali, perchè non siamo riusciti a rinovarci e a sorprendere. Con la volontà di cercare di trovare risposte collettive, e di ridare senso a questa pratica politica, quest’anno abbiamo fatto un giro di dibattiti in Francia ed in Germania.

Questo tour riflessivo ci ha insegnato molto sulle contradizioni interne dei contro summit (leggere il resoconto in francese “on rentre à la maison?“). Ci sembra veramente un peccato abbandonare l’idea di costruire insieme un’ampia mobilitazione internazionale che possa contemporaneamente accogliere, in un luogo autogestito, militanti di tutti gli orizzonti della sinistra, e persone che non sono militanti, da parecchi paesi d’Europa, e portare su e forte la conflittualità contro i valori delle istituzioni internazionali. Se la forma del contro summit è davvero ridotta a mal partito, speriamo di trovare collettivamente altri mezzi per tenere insieme le necessità dell’offensiva e dell’alternativa, del radicalismo e dell’apertura, che per noi sono obiettivi politici essenziali.

A partire dalle constatazioni tratte di questo tour riflessivo, rivolgiamo un appello a una riunione internazionale di preparazione delle future mobilitazioni del 2011, contro il G8, il G20 ed altre forme di dominazione globale. Il nostro scopo a breve scadenza è di cercare di sottrarsi agli scogli già incontrati nella preparazione dei contro summit : separazione degli ambienti politici, continua urgenza, piccolo gruppo di “simpatici organizzatori” di un camp di “turismo militante di masse”.
Vogliamo aprire uno spazio di preparazione che possa proseguire dopo gli avvenimenti, iniziare una dinamica di scambi dei “savoir-faire” militanti.
Così speriamo gettare ponti tra gli ambienti politici sulla base di pratiche concrete di resistenza e di creazione.

In questo quadro, vogliamo proporre alla discussione, fra l’altro argomento, l’idea di un camp duraturo, che non si limiti a un paio di giorni durante il summit. La nostra idea è di cercare d’oltrepassare l’urgenza per darci, questa volta, i mezzi di sperimentare, per un periodo più lungo, le nostre proposte per una società emancipata, non gerarchica ed autogestita.

Vi proponiamo dunque di riunire le nostre storie, esperienze, sensibilità politiche, preoccupazioni tematiche, i nostri vari modi d’agire, per pensare insieme nuove forme di resistenza. Partire da questa ricchezza è una forza.

Questa riunione si terrà a Dijon (Digione), in Francia, dal 26 al 28 novembre 2010.

Per più informazioni, scrivere a : dissent_fr@riseup.net

Collectivo Dissent ! Parigi

> News list

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati