Fondi alle private, giudici: Comune deve esprimersi su referendum


Il Tribunale ha accolto la richiesta dei promotori del referendum, che punta ad abolire i finanziamenti alle private, dopo che i Garanti di Palazzo D’Accursio avevano evitato di pronunciarsi.

21 giugno 2011 - 19:57

Il Comitato dei garanti del Comune di Bologna ha sette giorni di tempo per esprimersi sull’ammissibilita’ o meno del referendum per abolire i finanziamenti comunali alle scuole materne private.

Lo ha stabilito il Tribunale di Bologna, a cui si era rivolto il comitato Articolo 33 (che riunisce i promotori del referendum) dopo che i garanti bocciarono la richiesta di consultazione popolare come “non procedibile” perchè, con Palazzo D’Accursio commissariato, non era insediato un Consiglio comunale.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati