InCassati! / Fiera, subito sciopero e corteo interno


Braccia incrociate per tre ore in occasione del Cersaie, dopo la disdetta del contratto aziendale. I dirigenti della Fiera hanno coperto i posti di lavoro lasciati dagli scioperanti, che intanto hanno sfilato tra gli stand.

02 ottobre 2010 - 16:17

Parte la mobilitazione dei lavoratori Rdb della Fiera di Bologna, dopo che ieri i vertici dell’expo hanno deciso di disdettare il contratto aziendale. Gia’ ieri sera c’era stato “uno sciopero spontaneo con assedio alla presidenza di Roversi Monaco”, racconta uno dei protagonisti. Poi oggi, nell’ultimo giorno di una dei saloni più importanti dell’anno, il Cersaie, ci sono state tre ore di sciopero ed un corteo interno.

Tra le 12 e le 15 “la stragrande maggioranza delle persone ha scioperato, al di la’ delle sigle sindacali- spiega un iscritto al sindacato di base- c’erano i lavoratori Rdb ma in tanti, iscritti agli altri sindacati, si sono rifiutati di seguire le indicazioni delle rispettive organizzazioni”. La Cgil e la Cisl, infatti, non solo hanno deciso di non proclamare lo sciopero ma hanno anche criticato aspramente la posizione di Rdb. Durante lo sciopero “tutti i tornelli degli ingressi erano sguarniti”, tanto che per garantire l’accesso all’expo “i dirigenti sono dovuti andare a coprire i nostri posti di lavoro, erano tutti ai tornelli”. Circa 80 lavoratori intanto, si sono ritrovati all’ingresso principale e da li’ sono partiti “per un corteo all’interno dei padiglioni, distribuendo volantini che spiegano la vicenda della disdetta del contratto e la situazione attuale”. I manifestanti hanno marciato dietro striscioni con scritto “Vogliamo il contratto” oppure “No al lavoro nero. Da parte dei visitatori del Cersaie “la reazione e’ stata positiva e non c’e’ stato nessun problema”, anzi “molti hanno preso i volantini”. Terminato il corteo, i lavoratori hanno dato vita ad un presidio davanti all’ingresso fino allo scadere delle tre ore di sciopero. Dopo la protesta di oggi, “nei prossimi giorni ci riuniremo di nuovo in assemblea per valutare insieme come continuare a muoverci”.

> Vai allo speciale di Zic: La Fiera delle precarietà

>  Nell’ambito del progetto inCassati!, promosso da Vag61 in collaborazione con Zic, prosegue la rubrica che raccoglie esperienze di resistenza e di lotta portate avanti dai lavoratori colpiti dalla crisi.

La redazione di Zeroincondotta

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati