Ferrara / Federico Aldrovandi, un poliziotto a giudizio


Terzo processo per l’omicidio del diciottenne ferrarese, ipotizzata l’omissione di atti di ufficio per non aver trasmesso agli investigatori i brogliacci della questura

08 ottobre 2010 - 19:49

Dovrà nuovamente rispondere di omissioni in atti di ufficio un poliziotto già condannato per questo reato nel processo bis per il caso Aldrovandi. Il rinvio a giudizio, deciso ieri dal gup, muove dall’accusa di non avere trasmesso alla procura i brogliacci compilati in questura sull’intervento delle volanti in quelle ore dell’alba del 25 settembre 2005, quando quattro agenti di polizia massacrarono e uccisero il diciottenne ferrarese.
E’ il terzo processo connesso alla morte di Federico, in quello principale i quattro poliziotti sono stati condannati a oltre tre anni per eccesso colposo in omicidio colposo.

> Vai allo speciale su Federico Aldrovandi

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati