Draghi ribelli: “Domani in Comune”


Dopo la notifica dello sgombero dell’ex mercato di via Clavature, conferenza stampa “ribelle” in occasione del Consiglio comunale.

13 novembre 2011 - 18:39

I Draghi ribelli si presenteranno in Comune, domani alle 16, per rispondere all’ordinanza di sgombero dell’ex mercato di via Clavature firmata dal sindaco Virginio Merola. E’ la decisione emersa dall’assemblea che si è svolta oggi davanti all’ex mercato, nella piazzetta di via de’ Musei. “C’è più politica nell’Accampata Maggiore che a Palazzo D’Accursio- affermano gli occupanti Merola si svegli, cosa si risolve con i 400 poliziotti che sappiamo la Questura ha predisposto per lo sgombero?”. In ogni caso l’Accampata Maggiore “andrà avanti senza entrare nella liturgia che questa aggressione vuole produrre”.

Per domani l’appuntamento è alle 16 in via Clavature, con l’obiettivo di svolgere una conferenza stampa “ribelle” in Comune, dov’è in programma il Consiglio comunale. A seguire ci sarà in via Clavature un incontro con lo storico dell’arte Eugenio Riccomini “perchè comunque vada a finire- dicono gli occupanti- questo posto deve ritornare ad essere un bene comune”.

All’assemblea di oggi, intanto, ha partecipato anche il consigliere regionale Roberto Sconciaforni della Federazione della sinistra: “Sarebbe estremamente grave se il primo atto politico di un’amministrazione di centrosinistra dopo la caduta di Berlusconi fosse lo sgombero delle vostre istanze, non sia Bologna ad offrire questa occasione di riscatto a Pdl e Lega”. Il segretario dei Verdi, Filippo Bortolini: “Merola venga qui a parlare con noi prima di fare ordinanze”.  Il segretario di Sel, Luca Basile: “La politica deve dare risposte alle domande, in città c’è una domanda di spazi di questo genere e non può essere elusa”.

> Il comunicato diffuso il 14 novembre:

ORE 16 @ PALAZZO D’ACCURSIO… FOLLOW THE DRAGON!

Giovedì 10 Novembre siamo entrati nell’ex mercato di mezzo in via Clavature 12, restituendo alla città uno spazio abbandonato da anni. Lo abbiamo fatto per aprire uno spazio pubblico in questa città, uno spazio di presa di parola, di confronto tra tanti, con biografie e percorsi differenti.

I draghi ribelli sono apparsi per le strade di Bologna: Animali ibridi e multicefali, con i quali abbiamo scelto di raccontare le storie di quel 99 % che ha deciso di non rimanere indifferente alla crisi del presente e alla scomparsa del futuro.

Nell’era della crisi il desiderio di vivere un tempo degno non può che partire dall incontrarci in tanti, dal mettere in comune le nostre storie e i nostri sogni.

Ed è quello che stiamo facendo vivere attraverso l’accampata maggiore di via Clavature 12: un laboratorio cittadino che pensa e costruisce un’altra città, un’altra idea di politica, che vuole agire un cambiamento delle condizioni attuali, sapendo che né governi tecnici, né opposizioni di centrosinistra, potranno farci uscire da questa situazione. Adesso tocca a noi. Mettiamoci in gioco.

Dopo le dichiarazioni del sindaco di Bologna Merola ci viene ancora più immediato pensare che la politica dei palazzi sia veramente lontana dalla società civile, da chi vive Bologna ogni giorno e che la vorrebbe diversa.

Infatti solo pochi giorni fa sui giornali abbiamo letto il sindaco rispondere alla nostra occupazione considerandola “un´occasione di riflessione per la città”. Forse il nostro sindaco ha riflettuto

abbastanza, o forse anche lui, come il resto della casta, è uomo di buone parole, ma solo quelle. O forse assistiamo ad un vecchio teatrino, le ragioni della casta contro le istanze dei cittadini.

Perché questa in fondo è stata la scelta del nostro sindaco, riflettere assieme alla Lega e al PdL e non assieme agli studenti, ai precari e ai cittadini di Bologna…Prove tecniche di governo tecnico?

Nella richiesta di sgombero di Merola abbiamo avuto la sensazione di ritrovare qualcosa di già visto. La scusa dello sgombero è sempre la stessa, “questioni tecniche”, inagibilità, “sgombero necessario per

proteggere gli occupanti”. Ci viene da chiedere: Che differenza c´è fra la precarietà di questo stabile e la precarietà di questo paese? Che differenza c´è fra l´inagibilità di questo posto e l´inagibilità delle nostre vite? Perché i politici si preoccupano delle nostre vite solo quando ci sgomberano e non si sono mai preoccupati in questi anni di mobilitazione. Non si nasconda dietro ad un dito signor Sindaco, sappiamo che è una questione politica.

Domenica 13 abbiamo costruito insieme a tanti e tante un’assemblea ricca e partecipata, un momento di discussione reale su quello che è avvenuto nelle ultime ore ma anche su come continuare il progetto politico aperto e sviluppatosi intorno all’accampata maggiore.

Tantissimi hanno preso parola per lanciare suggestioni, per portare il proprio contributo, per condividere idee e progetti da mettere in pratica, per mettersi in gioco e aumentare la potenza dei draghi ribelli.

Educatori contro i tagli, comitati cittadini, anomalie istituzionali e sindacali, come consiglieri regionali e comunali, studenti, bottegai del quartiere, cittadini, tutti determinati nel voler difendere il laboratorio politico dell’accampata maggiore.

Un’assemblea bella, di quelle che non si vedevano da tempo, e all’interno del “quadrilatero” bolognese, un luogo insolito a questi eventi e molto suggestivo, un luogo che vive del mercato più antico d’Europa e delle vetrine dei negozi di grande lusso, un luogo centrale nei flussi cittadini. E che noi vogliamo arricchire.

L’assemblea ha lanciato per lunedì 14 alle ore 16.00, un momento comunicativo in Palazzo d’Accursio, sede del consiglio comunale, dove andremo a portare i nostri interrogativi a Merola e la nostra determinazione ad andare avanti nel nostro percorso.

Invitiamo chi era in corteo con noi l’11, chi ha attraversato l’ex mercato di mezzo in questi giorni, chi l’ha reso vivo, chi ha arricchito le tante assemblee: cittadini e cittadine, i lavoratori della FIOM, i precari, gli studenti, i comitati cittadini, gli educatori contro i tagli, i bottegai del quadrilatero e i loro clienti, e quelle anomalie istituzionali che hanno vissuto via clavature 12 e vedono nell’accampata maggiore uno spazio di confronto e di dialogo fra diversi verso la costruzione di un’alternativa.

Siate sereni: i draghi ribelli non scompaiono con un’ordinanza di sgombero.

Non potrete sgomberare le nostre idee, la nostra passione, la nostra potenza, la realtà che stiamo costruendo tutte e tutti collettivamente.

Alle ore 16 andremo a Palazzo d’Accursio, con cartelli colorati, striscioni, maschere, per dire a Merola che guardare l´impalcatura e non guardare alle nostre istanze è come guardare il dito e non la luna. Ci ripensi signor Sindaco.

I Draghi Ribelli sono apparsi sulle scene bolognesi e ora dovrete fare i conti con i loro artigli, il loro fuoco, i loro movimenti fluidi, il loro essere multiforme… follow the dragon!

Accampata Maggiore del mercato di mezzo

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati