Dal teatro Valle all’ex cinema Arcobaleno [video], dove ricominciano le proiezioni


Tra gli interventi di ieri sera all’assemblea del Community Center “Santa Insolvenza” anche quello di Andrea, dal Teatro Valle occupato di Roma. Oggi cominciano i laboratori e stasera proiezione di “Old cinema”.

13 novembre 2011 - 13:05

Riapre il cinema Arcobaleno e ieri in assemblea la prima proposta: fare una proiezione di “Old Cinema – Bologna Melodramma”. Si tratta di un documentario di Davide Rizzo, in cui si raccontano le storie dei cinema monosala dismessi di Bologna. L’ex cinema Arcobaleno torna a essere a disposizione della cittadinanza. Un pezzetto della città è messo al servizio di tutti e tutte.

> Il programma di domenica 13:

Ore 15 Laboratorio di comunicazione e democrazia

Comunicare non è solo un atto tecnico, ma politico. Lavorare in tre sensi:
– sulla comunicazione interna, dentro le assemblee, fra i gruppi.
– sulla comunicazione esterna, con azioni comunicative, comunicati stampa, campagne, giornalisti, social network.
– sulla comunicazione nel mondo. E’ un movimento globale e come tale va trattato contattando i movimenti nel mondo.

Ore 18 Laboratorio di spettacolo e cultura – Special Guest Andrea del Teatro Valle

L’esperimento del Valle è molto simile al nostro: riprendersi uno spazio e renderlo attraversato. Com’è possibile costruire questo percorso? Un’occasione per discutere le condizioni materiali di chi fa arte a Bologna, senza nessuna forma di sostegno. Un’occasione per iniziare a pensare a eventi, a come, eventualmente, costruirli, magari immaginandosi un grande evento di grande richiamo.

Ore 21 Proiezione di un documentario sui cinema abbandonati di Bologna

I cinema abbandonati sono tanti. Ogni cinema è un posto che potrebbe essere ridato alla società. Vista l’occasione usiamo i nostri spazi e ridiamogli il volto che merita.Sono cinque anni che la nostra sala non viene usata, ridiamo un servizio alla cittadinanza.

Community Center “Santa Insolvenza”

> Guarda il video di TimeOut con l’intervento di Andrea:
.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati