Dal diritto all’insolvenza allo sciopero precario


#15ottobre giornata globale contro l’austerity. Pubblichiamo il comunicato condiviso al termine della partecipata assemblea nazionale degli Stati Generali della Precarietà, tenuta oggi a Bologna negli spazi di Vag61

25 settembre 2011 - 18:09

15 ottobre giornata globale contro l’austerity: dal diritto all’insolvenza allo sciopero precario

 

Il 15 ottobre è stata lanciata una giornata, a carattere europeo, di mobilitazione contro l’austerity e le politiche neoliberiste, assunte come strategiche dalla Commissione europea e dalla BCE e peraltro responsabili dell’ultimo pesante ciclo di crisi globale e finanziaria che le banche e le grandi lobby hanno scatenato contro la cittadinanza tutta.

Dal 15 al 18 Settembre abbiamo attraversato l’hub meeting di Barcellona con le reti e le soggettività che in questa fase storica hanno scelto di riconoscersi in uno spazio politico comune, costituitosi un po’ ovunque fra le rivolte che hanno segnato una vasta parte dell’area mediterranea ed europea, arrivando a scalfire anche la nostra Italietta – dalla fiammata dello scorso autunno studentesco, culminata nei tumulti del 14 dicembre, fino alla più solida resistenza Notav, radicata e sedimentata sul territorio dentro uno scontro politico condotto con grande intelligenza e radicalità.

Procedendo sul nuovo terreno di un vero protagonismo sociale contro le politiche di austerity, per il prossimo 15 ottobre vorremmo indicare un percorso, uno spazio di relazione e di movimento, un’area di corteo ampia che determini una rottura del quadro di compatibilità e di pacificazione sociale imposto dalla governance, anche oltre il governo Berlusconi: per la conquista di un piano costituente che rivendichi con orgoglio l’autonomia e l’indipendenza delle forme di vita comuni, nel lavoro e con il reddito oltre il lavoro, nelle scelte sociali e sessuali, che praticano la liberazione da un intero sistema di potere politico ed economico in crisi.

Vogliamo costruire questo percorso verso e oltre il 15 per affermare in quella giornata – e nelle giornate precedenti –, nelle pratiche e nella comunicazione, il punto di vista precario.

Il lavoro non è un bene comune perché azzerando i nostri diritti e negandoci ogni libertà di scelta lo hanno reso maledetto. Per questo è necessario conquistare un reddito di base incondizionato, non pagare il debito, riappropriarsi dei beni comuni e dei saperi, affermando la dimensione transnazionale di questa lotta, a partire dalle lotte dei migranti per la rottura del legame tra contratto di lavoro e permesso di soggiorno.

Siamo sempre più consapevoli che la reale alternativa alla crisi vive nei processi di indipendenza e cooperazione che sapremo creare nelle lotte.

“Non ci rappresenta nessuno” è il motivo centrale della nuova sinfonia corale composta dalla sintesi dei ragionamenti, delle strategie e delle pratiche condivise fra tanta umanità riunitasi a Barcellona, come anche il 24 e 25 settembre a Bologna.

Lo spazio costituente che si vuole definire oggi è quello che guarda, in una prospettiva di medio-lungo termine, alla costruzione, all’affinamento e alla diffusione delle lotte contro la precarietà imposta dall’attuale modello di governo del capitale a scapito delle nostre vite.

Una tappa fondamentale di questo percorso è la costruzione della giornata del 15 ottobre.

Ecco perché proponiamo di caratterizzare quella giornata e la nostra presenza alle mobilitazioni costruendo uno spazio sociale e di movimento che reclami il diritto all’insolvenza, al reddito e alla libertà di movimento per tutti i soggetti che stanno pagando la crisi.

Partendo da questi contenuti, il 15 ottobre faremo valere il protagonismo dei precari e delle precarie e rilanceremo la scommessa dello sciopero precario.

A dicembre sperimenteremo esperienze di sciopero dentro e contro la precarietà, un processo che metta in campo una comunicazione e una cooperazione tra le precarie e i precari a partire dalla crisi della rappresentanza politica e sindacale, uno sciopero che arrivi a colpire laddove fa più male: dove si fanno i profitti, dove si produce e riproduce il capitale.

Per il 15 ottobre vogliamo costruire uno spazio di attraversamento per tutte le generazioni precarie che trasformi l’indignazione in conflitto e che porti verso lo sciopero precario; vogliamo dare vita a una rete che realizzi iniziative comuni di avvicinamento dal 7 al 14 ottobre come promosso dall’Hub-meeting di Barcellona, nella settimana di mobilitazione europea contro l’austerity.

Questa messa in rete è la modalità che scegliamo per l’interconnessione delle nostre esperienze: capace di includere i singoli come i collettivi, di intrecciarsi con altre reti e percorsi, di ridurre le distanze e la frammentazione, di far viaggiare i contenuti e le pratiche riproducibili dentro e fuori i confini dello stato-nazione, dentro e oltre la giornata del 15 ottobre.

 

Stati generali della precarietà

www.scioperoprecario.org

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati