Da Bologna a Vienna, con il movimento transnazionale contro il Bologna Process [audio]


A Bartleby incontro con gli attivisti di Bolognaburns. L’11 marzo appuntamento nel capoluogo austriaco per un grande corteo transnazionale, nel decennale dell’avvio del processo europeo di riforma universitaria.

05 marzo 2010 - 02:07

> Ascolta gli audio:


Bartleby, nel secondo giorno di apertura della nuova casa in via S. Petronio Vecchio, ha ospitato due attivisti della rete Bolognaburns, che sta organizzando la contestazione al vertice dei quarantanove ministri europei che, l’11 e 12 marzo, si riuniranno a Vienna per celebrare il decennale della Dichiarazione di Bologna, che diede il via a quello che in tutta europa è diventato noto come Bologna Process, ovvero l’applicazione nei vari paesi delle riforme universitarie che hanno introdotto l’organizzazione in tre cicli della carriera universitaria (in Italia, triennale, magistrale e dottorato) e il sistema dei crediti.

La giornata clou sarà giovedì 11: alle 15 è convocato un corteo internazionale che, diviso in cinque tronconi, cercherà di raggiungere il Palazzo Imperiale, dove si tiene il summit. Nelle intenzioni degli organizzatori la manifestazione sarà pacifica e opporrà solo una resistenza passiva alla polizia che dovesse bloccare i dimostranti, ma, specificano, saranno solidali con ogni altra forma di azione. Bartleby organizza un pullman per raggiungere Vienna.

Nell’ultimo anno in Austria si è sviluppato per la prima volta un forte movimento universitario: la scintilla è stata l’applicazione del Bologna Process all’Accademia di Belle Arti. Le recenti mobilitazioni hanno poi reso possibile gettare le basi per questo appuntamento di portata europea.

E’ poi seguito un collegamento con Liz, attivista statunitense del collettivo transnazionale Edu-factory, che ha raccontato delle mobilitazioni contro i tagli all’università voluti dall’amministrazione Obama. In particolare, in California sono state occupate diverse facoltà e gli studenti si sono scontrati aspramente con le forze dell’ordine.

In conclusione, Andrea Ghelfi e Gigi Roggero hanno presentato il numero zero di Edu-factory web journal, pubblicazione disponibile in download gratuito volta ad analizzare le trasformazioni dell’università e i conflitti nell’ambito della produzione dei saperi. Il numero è dedicato alla “doppia crisi” globale, ovvero quella del sistema economico neoliberale e dell’università. Duro l’intervento di Roggero sul Bologna process: «A Vienna si celebra un cadavere»

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati