Crisi, quest’anno 16000 persone in più a reddito zero in provincia


Se i dati sul 2009 confermano una realtà devastante con un aumento del 500% di cig, il 2010 sarà a reddito zero.

09 febbraio 2010 - 19:18

La situazione è sempre più grave  in tutta la provincia, le assunzioni diminuiscono mentre sempre più imprese chiudono e aumentano  gli iscritti ai centri per l’impiego e i lavoratori precari. Il rapporto sul mercato del lavoro del 2009 presentato dalla Provincia di Bologna è chiaro: le ore di cassa integrazione corrispondono a 2.173.095, con un incremento del 508,6%.

A questo si aggiunge, nel 2009, l’ aumento di oltre 13.000 unità degli iscritti ai Centri per l’impiego della Provincia  con un’incremento del 28,1% delle persone che avrebbero diritto agli ammortizzatori sociali. Le categorie più colpite sono come sempre quelle più deboli, giovani, donne e migranti,  per i quali le speranze e i sogni di un futuro lavorativo decente e dignitoso sono sempre più lontane.

Ma il peggio deve ancora venire,   le stime  per il 2010 non sono certamente rassicuranti: ben 10.000 persone perderanno il sussidio di disoccupazione e per altri 5.900 lavoratori cesserà la situazione di mobilità. Il nuovo anno si prospetta come l’anno del reddito zero: nel gran mucchio si aggiungono quasi altre 16.000 persone.

d.g.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati