Corteo contro la crisi, arriva puntuale la prescrizione della Questura


Piazza Maggiore formalmente vietata, per la fine del corteo indicata piazza Verdi. Per il Comitato 23 gennaio contro la crisi si tratta di un divieto “grave e inaccettabile”. Leggi l’elenco delle adesioni.

21 gennaio 2010 - 18:35

Come previsto, la Questura ha comunicato agli organizzatori della manifestazione contro la crisi di sabato che il corteo non potrà raggiungere piazza Maggiore, ma percorrendo solo una parte di via Indipendenza dovrà prendere via Righi e terminare in piazza Verdi. Il Coordinamento 23 gennaio contro la crisi giudica “inaccettabile e grave il divieto” di raggiungere la sede del Comune. Le Rdb, nella conferenza stampa convocata oggi in vista della manifestazione, annunciano: “Non subiremo passivamente la prescrizione”, che si basa sul divieto posto dal prefetto a tutte le manifestazioni organizzate in centro nei fine settimana.

Sempre le Rdb fanno sapere che il sindaco Delbono e la presidente della Provincia Draghetti non hanno accolto l’appello con cui due delegati sindacali hanno chiesto loro di ritirare il parere favorevole dato all’ordinanza del prefetto.

In ogni caso confermati gli appuntamenti per sabato: dalle 15 piazza tematica in piazza dell’Unità e alle 17 partenza del corteo.

> Questo l’elenco aggiornato delle adesioni:

Federazione RdB, FLMU, CUB scuola, Lazzaretto Autogestito, Laboratorio Crash, Livello57, coll. univ. Politecnico09, Terre Libere, Sinistra Critica, Partito Comunista dei Lavoratori, Lista Reno, Circolo Anarchico Berneri, Linea Rossa, Vag 61, Prc Bologna, Spazio Pubblico XM24, Bologna Prende Casa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati