“Chi fa i quiz invalsi avvelena anche te: digli di smettere”


I Cobas annunciano il successo del boicottaggio dei quiz nazionali

10 maggio 2011 - 18:30

> Il comunicato inviatoci dalla Confederazione Cobas

INDIGNATI IN MASSA CONTRO I QUIZ INVALSI E I PRESIDI-PADRONI

L’indignazione contro gli ignobili quiz Invalsi è esplosa oggi in massa nelle scuole superiori di quasi tutte le città. In centinaia di scuole i plichi dell’Invalsi non sono stati nemmeno aperti e scaricati nelle segreterie e da stasera, probabilmente, finiranno nell’immondizia. In tante altre scuole i presidi-padroni, che sono stati convinti in questi mesi dal MIUR e dal governo di essere i proprietari delle scuole, ne hanno fatto di tutti i colori per costringere docenti e studenti a piegarsi e a svolgere quei grotteschi, truffaldini e distruttivi quiz Invalsi, che insultano la scuola pubblica e ogni didattica di qualità e che vorrebbero costringerci a buttare alle ortiche ogni serio insegnamento per passare il tempo ad addestrare gli studenti a insulsi quiz da scuola-guida. Le minacce a docenti e studenti sono state le più assurde e inqualificabili: a tanti docenti è stato impedito fisicamente di entrare nelle proprie classi (come alla nostra responsabile di Trieste, Daniela Antoni, il cui preside si è piazzato sulla porta impedendole l’accesso e provocandole un collasso); altri sono stati incredibilmente sostituiti da bidelli ed addetti di segreteria come in alcune scuole di Torino. In molte scuole, parecchie decine di studenti sono stati ammassati in aula magna, dove qualche docente, prono ai nuovi padroni, ha “somministrato” l’amarissima medicina dei quiz. In molte scuole gli studenti sono usciti dalle classi o dalla scuola, oppure hanno consegnato in bianco i quiz; e in altrettante, i presidi-padroni, che si giocavano oggi il loro nuovo ruolo di “proprietari” degli istituti, sono arrivati a minacciare, come in alcune scuole di Roma, gli studenti del secondo anno che non intendevano fare i quiz di “denuncia penale”. Insomma, parecchie centinaia di presidi hanno introdotto oggi orripilanti forme di “fascismo scolastico”: ne terremo conto d’ora in poi in termini legali (inevitabili denunce alla magistratura), sindacali e politici (se dichiarano guerra ai docenti e agli studenti avranno adeguate risposte). Malgrado tutta questa indegna esibizione di muscoli dei nuovi padroni, nonostante il gravissimo deficit di democrazia sindacale, che ha impedito ai COBAS di svolgere assemblee nelle scuole, oggi si è confermato che la nostra campagna ha smascherato la colossale truffa Invalsi, e che almeno il 20% della categoria e degli studenti si è sottratto, in una forma o nell’altra, al ricatto e alle minacce. Da domani entreranno in campo le elementari: e lì saranno anche i genitori a darci una mano, intervenendo perché sia garantita la normale attività didattica o lasciando addirittura i figli a casa.

Fino al 13 maggio proseguirà la mobilitazione. Indignati in massa contro l’interruzione illegale della didattica, contro la scuola-quiz, non collaboreremo neanche nei prossimi tre giorni allo svolgimento dei quiz Invalsi.

CHI FA I QUIZ INVALSI AVVELENA ANCHE TE: DIGLI DI SMETTERE.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati