Centinaia in piazza contro la Lega: blocchi e cariche in pieno centro [audio+foto]


Corteo lungo via Indipendenza, via dei Mille e via Marconi. Contatto con le forze dell’ordine a pochi metri dalla Prefettura. Fermato uno studente: blocchi del traffico fino alla notizia del rilascio.

06 maggio 2011 - 21:35

Mille persone hanno manifestato, nelle strade del centro di Bologna, contro la presenza in città del ministro leghista Roberto Maroni, contro le politiche di austerity e il razzismo istituzionale del governo Berlusconi. Partendo dall’incrocio della ‘T’, un corteo si è mosso lungo via Indipendenza dietro lo striscione “Emergenza Maroni, respingiamo il governo Berlusconi”. Tra i cori: “Odio la Lega”, “Maroni stiamo arrivando” e “Indovina dove andiamo”. Poi, dopo aver percorso via dei Mille e via Marconi, i manifestanti hanno annunciato l’intenzione di raggiungere la Prefettura ma il corteo è stato fermato dalle forze dell’ordine all’inizio di via Ugo Bassi. Dopo alcuni minuti di fronteggiamento, i manifestanti hanno imboccato rapidamente via Testoni e poi via Portanova. All’inizio di via IV Novembre, a pochi passi dall’Ufficio del Governo, il contatto con la Polizia che ha manganellato ripetutamente e con violenza sulle prime file.

In quel momento uno studente delle superiori è stato fermato dalla Polizia: prima è stato trascinato violentemente a terra, poi una volta portato dietro i cordoni ha ricevuto diverse manganellate. Il corteo però non si è disperso e dopo un lungo fronteggiamento ha ottenuto la possibilità di riprendere il cammino, lungo via Battisti e poi via Barberia fino a piazza Malpighi. Lì è cominciato un blocco del traffico, proseguito poi nel pieno dell’incrocio tra via Ugo Bassi e via Marconi e terminato solo quando dagli avvocati è giunta la notizia del rilascio dello studente fermato.

> Ascolta la corrispondenza per Radio Onda d’Urto curata dalla nostra redazione, mentre si attendeva il rilascio dello studente fermato:

> Guarda le foto:
.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati