Casapound rinuncia alla festa di inaugurazione


A seguito dell’ampia e trasversale mobilitazione contro l’apertura in via Guerrazzi, i neofascisti «lasciano perdere»: domani, hanno detto alla stampa, resteranno chiusi nella sede a rassettare.

04 febbraio 2011 - 19:20

Dopo le mobilitazioni annunciate da studenti, precari, artisti, commercianti, movimenti, Casapound ha fatto sapere di aver rinunciato a fare una vera e propria inaugurazione delle nuova sede di via Guerrazzi.
Niente festa o aperitivo inaugurale, insomma: hanno avvisato i militanti di non venire in massa a Bologna e alla stampa ora parlano dell’appuntamento di domani nei termini di un ritrovo tra amici: «lasciamo perdere», ha detto il capetto dei neofascisti, «ma saremo lì tutto il giorno a sistemare le nostre cose».

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati