Casa, sabato 1 ottobre presidio itinerante contro l’emergemza abitativa


Bologna Prende Casa da appuntamento in via XXI aprile alle 16:30 per sanzionare gli stabili lasciati vuoti.

30 settembre 2011 - 17:08

Sabato 1 ottobre Presidio Itinerante: troppe persone senza casa, troppe case senza persone

Il problema abitativo sta assumendo a Bologna proporzioni mai viste. Sempre più persone sono condannate a condizioni di precarietà per l’impossibilità ad accedere ai carissimi affitti o ad accendere mutui.Anni di politiche bipartisan tese a vendere e depotenziare l’edilizia pubblica e le case popolari hanno reso questo strumento inadeguato a risolvere il problema dell’emergenza abitativa.

Di fronte a questo esistono in tutta Bologna migliaia di alloggi e stabili interi inutilizzati. Da una parte stabili di proprietà privata, lasciati vuoti secondo il meccanismo della rendita per far aumentare i prezzi degli affitti, dall’altro lato migliaia di immobili pubblici, in questi anni abbandonati al loro destino, che ora il Comune cerca di vendere per battere cassa e ripianare i buchi nel Bilancio.

Il problema e la soluzione sono sotto gli occhi di tutti: troppe persone senza casa, troppe case senza persone. È necessario utilizzare il patrimonio pubblico per dare una casa a chi non ce l’ha, e requisire il patrimonio privato inutilizzato.

Per questo il movimento di lotta per la casa invita tutti a partecipare al Presidio Itinerante Sabato 1 Ottobre ore 16.30 appuntamento davanti all’ex clinica Beretta in via XXI Aprile n.15., presidio che di sposterà per la città andando a sanzionare gli stabili lasciati vuoti e in mano alla speculazione.

Questa è inoltre una scadenza che vuole essere parte del percorso di costruzione della manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 15 ottobre, data internazionale di rabbia e indignazione di chi oggi sta pagando una crisi che non ha creato attraverso la precarietà lavorativa, abitativa, l’attacco ai diritti e al futuro.

 

Bologna Prende Casa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati