Casa, bloccato l’ennesimo sfratto in San Donato


Asia annuncia la riuscita del picchetto di questa mattina. Intanto la tendopoli è al quindicesimo giorno e arrivano le prime adesioni all’appello per il diritto all’abitare. Leggi comunicato e appello.

21 aprile 2010 - 14:14

Un altro sfratto bloccato, la nostra Liberazione

La determinazione degli inquilini resistenti è riuscita a bloccare l’ennesimo sfratto esecutivo che colpiva un nucleo famigliare del quartiere di San Donato. I movimenti di lotta per la casa hanno dimostrato ancora una volta che l’organizzazione e la solidarietà popolare può creare resistenza.

E’ ormai da più di due settimane che è partita la tendopoli sotto il Comune in piazza Liber Paradisus, oggi siamo al 15° giorno, uomini donne e bambini vivono nella tendopoli e lottano per il diritto all’abitare per tutti/e. Assistiamo al silenzio della politica locale e regionale, ma il muro che ci hanno creato attorno lo abbiamo ancora una volta infranto fermando l’ennesimo sfratto.

Oggi ricorre l’anniversario della Liberazione di Bologna e come inquilini resistenti non possiamo non ricordarlo e riaffermare la nostra vicinanza a tutti quegli uomini e quelle donne che si sono battuti contro i fascisti, ma anche contro i soprusi di padroni e speculatori, perché come ci ricordavano i nostri vecchi, la lotta per difendere la democrazia e gli interessi popolari è andata avanti anche dopo la Liberazione. Ci sentiamo orgogliosi di essere anche noi i nipoti e i figli di quegli uomini e donne resistenti.

Associazione Inquilini e Assegnatari (ASIA-rdb)

BolognaPrendeCasa

______________________________________

Appello per il diritto all’abitare

Il problema abitativo sta assumendo oggi, sul nostro territorio, caratteristiche inedite e preoccupanti.

L’avanzamento della crisi che si traduce in migliaia di licenziamenti,mobilità e casse integrazioni, vede migliaia di famiglie a rischio per la perdita della casa, sia essa in affitto o gravata da un mutuo.

Mentre tutto questo colpisce chi ha contribuito alla costruzione economica e sociale di questa città, chi, invece, ha contribuito allo scoppio della crisi economica, si arricchisce sempre più, tramite meccanismi legati alla rendita e alla speculazione.

Il diritto alla casa rappresenta una riappropriazione di reddito, è un’istanza di uguaglianza sociale che investe non solo coloro che vivono il problema sulla propria pelle, ma tutti coloro che vedono nei diritti e nelle garanzie sociali i principi di una società civile e democratica che si definisce tale.

Chiediamo quindi alle amministrazioni locali e regionali che venga tutelato il diritto alla casa:

-per una moratoria degli sfratti per morosità

-per il finanziamento delle case popolari

-per il sostegno agli insolventi mutuo prima casa

Gli inquilini resistenti di Bologna

Prime adesioni:

AS.I.A.

BolognaPrendeCasa

Lazzaretto Autogestito

TPO

Federazione RdB

Partito Comunista dei Lavoratori

Rete dei Comunisti

Circolo Navile Prc

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati