Carceri: è sano solo un detenuto su tre


Gli altri hanno una o più patologie. Nel 2011 sei suicidi: il 9% del totale italiano. L’indice di sovraffollamento è stato di 163 presenze su 100 posti disponibili, il terzo più alto d’Italia.

04 luglio 2012 - 11:43

Solo un terzo dei detenuti in Emilia-Romagna gode di buona salute: tutti gli altri hanno una o piu’ patologie. E’ uno dei dati più allarmanti che emergono dalla relazione sull’assistenza sanitaria nelle carceri emiliano-romagnole nel 2011, stilata dalla Regione. Nella relazione si stima la presenza di soggetti sani in circa il 30-40% dei presenti, mentre quelli soggetti con patologia unica o multipla oscillano tra il 60 e il 70%. Le malattie piu’ comuni sono quelle infettive, respiratorie e gastrointestinali, nonchè lesioni (anche autoprodotte) e intossicazioni acute. In molti casi, inoltre, il carcere peggiora lo stato di salute facendo riacutizzare patologie croniche come miocardia, ipertensione o diabete.

Sempre nella relazione della Regione, poi, si legge che l’anno scorso sono stati sei i casi di suicidio tra i detenuti in Emilia-Romagna (a Bologna, Piacenza, Parma e all’Opg di Reggio Emilia), ovvero il 9% del dato nazionale (66 in Italia): di fatto, un tasso di incidenza superiore a quello della popolazione carceraria regionale su quella italiana (4.000 detenuti su 66.897, ovvero il 5,9%). I tentati suicidi tra i detenuti dell’Emilia-Romagna, invece, sono stati 76 l’anno scorso.

Infine, in Emilia-Romagna al 31 dicembre 2011 si contavano 4.000 detenuti (il 51,6% sono stranieri), ma nel corso dell’anno sono stati 7.400 quelli transitati per le carceri della regione. La capienza in Emilia-Romagna e’ pero’ di 2.453 posti, quindi l’indice di sovraffollamento in regione e’ pari a 163 presenze su 100 posti disponibili, ben oltre la media nazionale (146). Peggio dell’Emilia-Romagna fanno solo Puglia (182) e Lombardia (172). Tra le varie province, la sofferenza maggiore e’ nelle Case circondariali di Bologna e Ravenna, che hanno un indice di sovraffolamento pari a 218 e 213 presenze su 100 posti disponibili. Dal 2007 al 2011 la popolazione carceraria regionale e’ aumentata di circa 1.400 unita’, mentre la capienza e’ rimasta invariata.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati