Campagna Bds, 3.000 firme contro la vedita nelle Coop dei prodotti israeliani provenienti dai territori occupati


Verranno consegnate domani alla sede di Coop Italia dalla Coalizione italiana contro l’Agrexco e dal coordinamento Campagna Bds di Bologna.

11 ottobre 2010 - 16:36

Tremila firme raccolte dagli attivisti della Campagna Bds (Boicottaggio, disinvestimento, sanzioni) per chiedere ai supermercati Coop di ritirare dagli scaffali i prodotti israeliani provenienti dalle colonie occupate,  saranno consegnate domani  domani alle 11.30 alla sede di Coop Italia, a Casalecchio di Reno. Le firme per la petizione “No ai prodotti illegali nella mia Coop” in parte sono state raccolte in banchetti allestiti fuori dai supermercati Coop di diverse citta’ italiane, in parte attraverso il sito web di ‘Stop Agrexco’, che e’ la maggiore azienda che si occupa di esportazione dei prodotti israeliani.

Queste firme, scrive in una nota il Coordinamento campagna Bds, “testimoniano la preoccupazione e l’opposizione di un numero consistente di soci e clienti per la decisione di Coop Italia di continuare a commercializzare i prodotti provenienti dalle colonie israeliane e di mantenere rapporti commerciali con aziende che traggono profitti dal regime di occupazione illegale dei territori palestinesi”. Nella petizione, si chiede a Coop Italia di “non firmare il previsto accordo commerciale con l’azienda israeliana Agrexco, che dovrebbe includere delle norme per garantire la tracciabilita’ dei prodotti provenienti dalle colonie e differenziarli da quelli prodotti in Israele”. Secondo il Coordinamento della campagna Bds, “anche ammesso che sia possibile una chiara tracciabilita’dei prodotti, questo non risolverebbe la questione di fondo delle pratiche illegali di aziende come Agrexco”.

Del Coordinamento campagna Bds di Bologna fanno parte: Donne in nero, Comitato Palestina Bologna, Pax Christi, Mashi – Orme in Palestina, Ya Basta Bologna, Rdb, Gruppo Studio Politecnico 09, l’associazione Campi Aperti, l’associazione Orlando, Vag61, Xm24, Berretti bianchi onlus.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati