Brescia / Sanatoria, un migrante sulla cupola della Loggia [audio]


E’ in una posizione pericolosissima, in cima al palazzo municipale, da oltre 12 ore. Non intende scendere finché non avrà il permesso di soggiorno

23 giugno 2011 - 11:37

Ieri sera verso le 22 Ben Issa, un migrante di origine marocchina, è salito sulla cupola di palazzo Loggia a Brescia. Nel 2009 aveva fatto richiesta (e pagato) per la famigerata sanatoria-truffa, ma ad oggi, come molti altri, è ancora irregolare. Mentre scriviamo, non mostra nessuna intenzione di scendere finché non avrà la certezza di ottenere il permesso di soggiorno.

Secondo quanto riferisce Umberto Gobbi dell’Associazione Diritti per Tutti sulle frequenze di Radio Onda d’Urto, “il gesto di Ben Issa è un gesto assolutamente individuale, dettato dalla disperazione. Ci sono tentativi di strumentalizzarlo e colpevolizzare noi e il presidio. Stiamo cercando in tutti ii modi di convincerlo a scendere, è in una situazione pericolosissima, non è paragonabile alla gru, dove i migranti avevano delle minime condizione di sicurezza.”

Molta preoccupazione per la vita dell’uomo da parte di migranti e antirazzisti riuniti a pochi metri di distanza, nel presidio permanente che da giorni in Piazza Rovetta chiede che, rispettando la recente sentenza del Consiglio di Stato, la prefettura rilasci i permessi di soggiorno a chi ne ha diritto. Le pratiche sono bloccate dal Viminale; da Diritti per Tutti e dal Presidio Permanente si ribadisce l’appello perché il ministro Maroni emani la circolare che dia il via libera ai permessi, a questo punto anche per ragioni umanitarie, per salvare la vita di Ben Issa.

> Aggiornamenti costanti sul sito di Radio Onda d’Urto

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati