InCassati! / BolognaFiere, Usb: lavoratori pronti allo sciopero immediato se è disdetto il contratto collettivo


Riceviamo e pubblichiamo dall’ufficio stampa Usb Bologna

29 settembre 2010 - 21:19

BOLOGNAFIERE: DISDETTA CONTRATTO COLLETTIVO,
IMMEDIATA MOBILITAZIONE DEI LAVORATORI.

BolognaFiere: alla minaccia di disdetta del Contratto Collettivo i
lavoratori rispondono con la minaccia di sciopero immediato.

Si è appena conclusa l’assemblea generale dei lavoratori dell’expo di
Bologna con l’approvazione di una mozione che respinge al mittente la
minaccia di disdetta del contratto aziendale che se attuata vedrà come
primissima risposta il blocco già durante il Cersaie in corso.

Per Luigi Marinelli della USB “Si tratta di una giusta risposta ad una
minaccia che vuole porre sotto ricatto le centinaia di lavoratori di
BolognaFiere”.

“O l’azienda riporta la trattativa sul passaggio dall’attuale contratto
quello nazionale del Commercio a livelli accettabili di rispetto dei diritti
acquisiti – specifica Marinelli – oppure si apre necessariamente una
difficile stagione di scontro”.

“Con questa chiara presa di posizione andremo all’incontro di domani con il
CdA della Fiera, vedremo se la “scuola Marchionne” ha aperto una succursale anche in Via Michelino.” conclude Marinelli.

Bologna 29 settembre 2010

> Vai allo speciale di Zic: La Fiera delle precarietà

>  Nell’ambito del progetto inCassati!, promosso da Vag61 in collaborazione con Zic, prosegue la rubrica che raccoglie esperienze di resistenza e di lotta portate avanti dai lavoratori colpiti dalla crisi.

La redazione di Zeroincondotta


Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati