Blitz in Rettorato: “Indignarsi non basta”


Iniziativa di SaDiR e Panenka verso il 15 ottobre. Dal 12 al 14 tre giorni di iniziative a Scienze politiche, in strada Maggiore 45.

10 ottobre 2011 - 17:51

Blitz di SaDiR e circolo Panenka, questa mattina, all’Università: dopo essere saliti in Rettorato, gli attivisti sono riusciti a parlare con il rettore Ivano Dionigi e con il prorettore agli studenti Roberto Nicoletti. “Hanno condiviso con noi lo stato di incertezza per la questione delle borse di studio, in forse per l’anno prossimo, e hanno rilevato il preoccupante aumento del debito tra gli studenti”, spiegano SaDiR e Panenka.

> Il comunicato:

Indignarsi non basta: tutti a Roma il 15 ottobre

Una volta credevamo che le istituzioni potessero nascere, morire, cambiare o crollare, certo la crisi ne sta cambiando di cose, ma chi poteva mai immaginare che ad un certo punto l’Università avesse potuto avere una data di scadenza? Eppure la crisi ci ha portato anche questo, come apprendiamo a mezzo stampa dalle dichiarazione del Rettore Dionigi. Noi studenti siamo dei prodotti in scadenza e sappiamo già il giorno in cui tutto questo crollerà, il giorno in cui l’Università, già oggi dequalificata e sottofinanziata da anni di scellerate riforme, sarà roba da manuali di Storia e tutto ciò ci lascia indignati.

Ci indigna sapere che molti degli studenti che una volta avrebbero avuto la possibilità di avere una borsa di studio dal 2012 non l’avranno più neanche in Emilia-Romagna, l’unica regione che fino ad adesso riusciva a coprire il 100% degli aventi diritto.

Ci indigna conoscere già la data di scadenza dell´Università, uccisa a colpi di riforme e di tagli, costretta ad elemosinare finanziamenti privati (ma dove sono?) mentre i vertici continuano a tingere d’oro un vecchio ferro arrugginito.

Ci indigna vedere la speculazione crescere sulle nostre vite da fuori sede, di chi sopravvive in tripla con contratto a nero, lavora con contratto a nero, non risiede e non vota, ma è un risorsa economica da sfruttare in una città tramortita dalla crisi della politica.

Siamo indignati, ma sappiamo che indignarsi non basta come sappiamo che la costruzione di un’alternativa all’Università della crisi non può darsi se non al di fuori delle trame affaristiche e finanziarie di questa società. Critica dei saperi, ridistribuzione di ricchezza e potere dentro e fuori dall´accademia, maggiore autogestione del percorso formativo, ricerca libera ed indipendente: questa è l’Università che vogliamo, questa è l´università che proviamo a costruire ogni giorno.

E’ per questo che la nostra indignazione sarà parte di quell’indignazione che dal Cile alla Grecia, passando per la Spagna e per l’Inghilterra attraverserà il mondo il 15 Ottobre con l’idea in comune di cambiare, di scegliere un’alternativa, anzi, di essere un’alternativa.

Panenka
Sadir

> 12/13/14 ottobre @ Scienze politiche, strada Maggiore 45:

UNITED FOR GLOBAL CHANGE! Tutt* a Roma il 15 ottobre!

12 ottobre
Ore 18 “Costruiamo l’alternativa” assemblea pubblica verso il 15 ottobre

13 ottobre
Ore 15 Laboratorio “Oltre il 15 ottobre: beni comuni e nuovo welfare”
Ore 19 cineforum
Ore 21 live concert Cico from Mama Africa
A seguire dj-set Panenka Armada, Stile dj from SaDiR, Parente diggei

14 ottobre
Ore 13 pranzo
A seguire cineforum

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati