Bartleby: «Con un piede nel futuro»


Dopo la rivolta di Roma, prosegue la mobilitazione di studenti e precari. Domani h19 assemblea di Ateneo in via Zamboni 38, sabato di nuovo in piazza: «Costruiamo la protesta in vista dell’inaugurazione dell’anno accademico»

15 dicembre 2010 - 23:58

> Il Comunicato:

Imbarazzante. In nessun altro modo si può definire la condotta di chi ieri era seduto nelle aule del parlamento. Abbiamo assistito alla mercificazione dei voti, alla farsa del potere. Lo diciamo chiaramente: nelle farse Don Chisciotte era molto più bravo di voi, non abbiamo bisogno del vostro esempio.
E’ stata sancita ufficialmente la fine della forma del governo democratico, o meglio la crisi irreversibile della legittimità della rappresentanza politica. L’unica democrazia possibile ieri era quella della strada. Tutto è avvenuto sotto i nostri occhi: chiusi in uno stanzone uomini in giacca e cravatta hanno fatto i loro accordi, fatto bilanci, previsioni, approfittato di vie di fuga dal respiro affannato. Fuori da quello stanzone, per strada, attorno alla zona rossa che gli incravattati avevano imposto, c’era il mondo.
Non solo gli studenti universitari e medi che in questi mesi hanno protestato nelle strade, nelle stazioni, nelle autostrade.
Non solo gli operai della FIOM umiliati da Marchionne&Co.
Non solo i movimenti dei beni comuni, che lottano per un mondo migliore in cui tutti abbiano accesso alle risorse.
Non solo Terzigno, contro le discariche che vengono imposte da contrattazioni decise da altri, sempre all’interno di stanze e stanzoni.
Non solo gli aquilani che si impegnano a essere i soggetti della ricostruzione materiale e sociale del loro territorio.
In quelle strade c’era il mondo che vive la miseria del presente, ma soprattutto c’era la ricchezza di tutti quei percorsi di lotta che, negli ultimi mesi, stanno dimostrando che a questo presente è possibile ribellarsi. Da ieri abbiamo capito che possiamo farlo tutti assieme e da oggi continueremo su questa strada.
C’era la stessa generazione di Londra e di Parigi, c’era la Grecia degli scioperi generali. E’ tutta l’Europa che si sta schierando contro un ordine che non c’è più e che trova nell’austerity l’unica via d’uscita dalla crisi. E’ inutile individuare soggetti pericolosi, dividere tra buoni e cattivi. In questo senso la matematica ci viene in aiuto. Credete davvero che in Piazza del Popolo ci fossero solamente un centinaio di facinorosi? Guardatevi i filmati se avete dei dubbi: in Piazza del Popolo, in via del Corso, c’eravamo tutt*. Ed è inutile imprigionarci, non si possono mettere le manette al mondo.
Per questo esigiamo la scarcerazione degli arrestati e diciamo a chi ragiona in termini di repressione che siamo stanchi di loro.

Torniamo a casa con una forza maggiore e con una passione: la rabbia. Questa rabbia va tradotta, abbiamo il dovere di darle una forma e costruire il nostro mondo. Iniziamo a costruirci, a partire dall’università, a partire dalle lotte per il reddito garantito e per un nuovo welfare. Dare corpo alla rivolta, farla vivere dentro alle intensità di un progetto costituente: oltre la fine della rappresentanza con un piede nel futuro.
In questo clima a Bologna si vorrebbe festeggiare l’inaugurazione dell’anno accademico. Il rettore Dionigi si è detto più volte in buona sostanza favorevole alla riforma Gelmini. La riforma, bloccata dall’imminente voto di fiducia, è stata ora rimessa in agenda, calendarizzata per la settimana prossima. Dopo la sfiducia della piazza, dopo la rabbia delle decine di migliaia di persone che ieri erano a Roma, è ora di far sentire ovunque la nostra voce e porre dei punti fermi: chi è favorevole alla riforma è di fatto complice di quel potere imbarazzante che abbiamo visto in Parlamento, chi è favorevole alla riforma è un avversario politico. Né più né meno di chi pone zone rosse, o compra voti.

Domani, giovedì 16 dicembre, alle 18 in aula III in via Zamboni 38, ci sarà un’assemblea di Ateneo. Costruiamo la protesta in vista dell’inaugurazione dell’anno accademico e andiamo insieme incontro a un momento costituente che parli di costruzione di un’università che ci appartenga.

Resisteremo un minuto più di voi!

Studenti e precari

Bartleby

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati