Brindisi / Attentato davanti a una scuola: una ragazza morta e nove feriti


Tre scoppi avvenuti di fronte a una scuola professionale che si trova nei pressi del tribunale. Gli ordigni, collegati a bombole di gas, erano su un muretto.

19 maggio 2012 - 11:00

h 12,35 – Nuovamente smentita la morte della seconda ragazza.

h 12,15 – Le agenzie di stampa nazionali battono nuovamente la notizia della morte della seconda ragazza.

h 11,50 – E’ stata smentita la notizia della morte della seconda ragazza.

h 11,35 – Salgono a due le vittime: è morta anche Veronica Capodieci, la ragazza che era stata portata in ospedale in gravissime condizioni.

h 11 – Una studentessa è morta e altri sette ragazzi sono rimasti feriti a causa dell’esplosione di due ordigni di fronte all’istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi. La scuola si trova a trenta metri dal tribunale.

L’attentato si è avvenuto poco prima delle otto. Le schegge prodotte dagli scoppi si sono propagate fino a duecento metri di distanza, scardinando addirittura una saracinesca di un negozio.

A quanto pare gli ordigni – sarebbero tre – sono stati collocati su un muretto vicino a una scuola. I ragazzi sarebbero rimasti colpiti mentre passavano di lì e stavano entrando per le lezioni. Dopo le deflagrazioni, in rapida successione, ci sono state scene di panico e di disperazione.

La ragazza morta si chiama Melissa Bassi e aveva 16 anni, un’altra studentessa, rimasta gravemente ferita dall’esplosione è stata operata all’ospedale Perrino.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati