Ancora vuoti gli appartamenti di via Azzo Gardino


I lavori sono finiti da oltre sei anni eppure, nonostante le migliaia di famiglie che a Bologna hanno bisogno di un alloggio, ci sono 11 appartamenti comunali che ci si ostina a non assegnare.

10 agosto 2010 - 19:47

Persone senza casa, case senza persone. Mentre in città non si vede via d’uscita ad una “emergenza” abitativa che va avanti da 20 anni, continuano a restare misteriosamente vuoti gli 11 appartamenti di proprietà comunale in via Azzo Gardino. Una situazione denunciata numerose volte in passato, di cui si è reso conto pure il sindacato inquilini della Cgil (Sunia) che oggi ha convocato un presidio sotto le finestre chiuse di quegli alloggi. I lavori sono terminati da più di sei anni, di volta in volta l’amministrazione ha fornito rassicurazioni su una rapida assegnazione eppure nulla si è mosso. Il Comune aveva detto che gli appartamenti di via Azzo Gardino sarebbero stati assegnati a luglio, ricorda ad esempio il Sunia, segnalando che quest’anno sono stati spesi altri 6.000 euro per sistemarli. Al presidio non si è fatto mancare qualche esponente del Pd, che pure ha amministrato a Bologna per molti degli ultimi anni, a protestare chissà contro chi. Presente anche Milena Naldi, assessore alla Casa in quota Sinistra Democratica della giunta Delbono. Un contributo, il suo, come al solito illuminante: “Io quegli alloggi li avevo sbloccati. Poi non so cos’e’ successo”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati