Anche l’assemblea genitori-insegnanti pronta a contestare Gelmini


“Se il ministro viene a Bologna non puo’ passare sotto silenzio”. Intanto continua la mobilitazione nelle scuole e si prepara anche la giornata del 14, primo giorno del nuovo anno scolastico.

07 settembre 2010 - 20:19

Anche l’Assemblea dei genitori e degli insegnanti delle scuole di Bologna è pronta ad “accogliere” il ministro Gelmini, annunciato per venerdì a Bologna. Se n’e’ discusso questa sera alla riunione dell’assemblea, la prima dopo le vacanze estive. “Ci siamo posti il problema se contestare o meno Gelmini- spiega uno dei portavoce dell’Assemblea- e ci siamo detti che se il ministro viene a Bologna non puo’ passare sotto silenzio, non possiamo far finta di niente”.

Intanto si studiano le iniziative di protesta contro il Governo da mettere in atto il primo giorno di ritorno sui banchi, il prossimo 14 settembre. “Abbiamo pensato di tutto, anche cose impensabili come l’attraversamento aereo sopra la citta’ con uno striscione. Piu’ fattibile invece, ma non per le  nostre casse, comprare uno spazio pubblicitario sui giornali”. Alla fine si e’ optato per il necrologio della scuola pubblica con cui tappezzare tutta Bologna: “A causa dei tagli del ministro Gelmini e’ morta la scuola pubblica. Ne danno il doloroso annuncio insegnanti, studenti e genitori, con l’impegno di farla rinascere”.

Nel frattempo continua la mobilitazione nelle scuole. Dopo il Copernico e l’istituto comprensivo di Rastignano, anche alle scuole Carducci di Bologna e a Castel S.Pietro in settimana verra’ presentata una mozione con cui si impegna il collegio docenti a rendersi indisponibile ad assumere ore eccedenti e a sostituire insegnanti assenti.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati