Aldro, processo bis: condanne confermate in appello


Riconosciuti colpevoli di omissione d’atti d’ufficio e favoreggiamento due poliziotti coinvolti nell’inchiesta per i depistaggi nelle prime indagini sulla morte di Federico.

09 luglio 2012 - 17:40

La Corte d’Appello di Bologna ha confermato le condanne a 8 e 10 mesi per omissione d’atti d’ufficio e favoreggiamento nei confronti di due poliziotti della Questura di Ferrara coinvolti nell‘inchiesta-bis per i depistaggi nelle prime fasi di indagine per la morte del diciottenne Federico Aldrovandi. I legali dei due condannati hanno annunciato che faranno ricorso.

Il filone principale, per omicidio colposo, si è concluso pochi giorni fa con la condanna definitiva in Cassazione per i quattro agenti in servizio sulla volante che fermò il giovane all’alba del 25 settembre 2005.

Un terzo uomo della Questura estense, ai tempi dirigente della sezione volanti, condannato nel 2010 per omissione, sarà giudicato dalla Corte d’Appello il prossimo autunno. Il suo caso è dibattuto separatamente perché a differenza degli altri due non chiese il rito abbreviato.

> Vai allo speciale su Federico Aldrovandi

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati