Aldro-bis: già a febbraio le prime sentenze


Tre dei quattro poliziotti accusati di depistaggio sulla morte di Francesco Aldrovandi hanno optato per il rito abbreviato, che accorcia i tempi di dibattimento e prevede uno sconto di pena in caso di condanna.

25 gennaio 2010 - 15:03

Il processo sul depistaggio della morte di Federico Aldrovandi (ucciso il 25 settembre 2005 a soli diciotto anni a Ferrara, e per la cui morte sei mesi fa sono stati condannati a tre anni e sei mesi quattro poliziotti per omicidio colposo) aperto lo scorso 22 gennaio, avrà tempi brevissimi: il 12 e 13 febbraio ci saranno già le prime sentenze preliminari. I legali di tre dei quattro poliziotti sotto inchiesta (Paolo Marino, Marcello Bulgarelli e Marco Pirani, accusati di falsa testimonianza, abuso d’ufficio e favoreggiamento) hanno infatti optato  per il rito abbreviato, che accorcia di molto i tempi giudiziari e prevede uno sconto di pena in caso di condanna.  Il 13 febbraio il gup deciderà invece sul rinvio a giudizio o sul non luogo a procedere di Luca Casoni (addetto all’ufficio denunce) che ha invece optato per il dibattimento. I famigliari della vittima si sono costituiti parte civile, e hanno ottenuto da parte del giudice di produrre il video girato in via dell’Ippodromo dalla polizia scientifica di Ferrara poche ore dopo la morte di Federico.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati