Addio al sacerdote fascista tra i saluti romani


Martedì, tra le braccia tese, le esequie del sacerdote lefebvriano che celebrava messe a predappio per i compleanni del Duce e gli anniversari della marcia su Roma

28 luglio 2010 - 10:58

(da Staffetta)

Accompagnati da saluti romani  si sono svolti il 27 luglio nella chiesa di Santa Maria dei Servi i funerali del sacerdote fascista Pellegrino Santucci morto a 89 anni. Erano presenti alle esequie anche Galeazzo Bignami (ex AN) e Maurizio Cevenini, uno dei candidati «di sinistra» alla poltrona di sindaco di Bologna.

Pellegrino Santucci, a lungo seguace di monsignor Lefebvre, figura-chiave nella destituzione del cardinale Lercaro dalla sua diocesi nel 1968, volta a volta definito «fascistone di Dio» e «Cappellano ufficiale delle camicie nere d’Italia», per anni cappellano dei fascisti dell’«Associazione volontari di Bir El Gobi», ha sempre celebrato a Predappio messe per la nascita del Duce e per l’anniversario della marcia su Roma, ha confortato i reduci del Fascismo, fiancheggiato culturalmente le organizzazioni neofasciste, promosso un revisionismo fazioso sulla lotta di Liberazione. Insomma, un esempio illustre di clericofascismo.

Nell’omelia l’arcireazionario monsignor Vecchi ha detto che Santucci «non sempre è riuscito ad evitare le esondazioni dall’alveo del grande fiume della sua parresia, cioè dal suo coraggio di testimoniare la fede in Gesù Cristo in modo integrale».

Soprattutto esondazioni di saluti romani.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati