Acqua, è partita la campagna di “Obbedienza civile”


E’ possibile aderire rivolgendosi ad uno degli sportelli attivi sul territorio (tra questi quelli a Scienze politiche, Vag61, Bartleby e Tpo) portando con sè l’ultima bolletta. A disposizione moduli, assistenza e tutela legale.

29 febbraio 2012 - 12:52

Da due giorni è possibile aderire alla campagna di “Obbedienza civile” in provincia di Bologna rivolgendosi ad uno degli sportelli e recando con sé l´ultima bolletta dell´acqua completa. “E´ possibile fare reclamo per il rispetto del referendum sia avendo un contratto diretto con HERA,  che in situazioni di contratto unico condominiale con HERA, anche per il tramite di una società di lettura (ad esempio LIRA, LEMCA, Lettura Contatori, ELCA)… scoprite come attivare l´amministratore di condominio”, spiega il Comitato Acqua bene comune.

Tra gli sportelli ci sono quelli ospitati da Ateneinrivolta a Scienze politiche in strada Maggiore 45 (lunedì dalle 15 alle 17), da Vag61 in via Paolo Fabbri 110 (martedì dalle 19 alle 23), da Bartleby in via San Petronio Vecchio 30/a (mercoledì dalle 19 alle 21) e dal Tpo in via Casarini 17/5 (giovedì dalle 17 alle 19).

“Presso gli sportelli di cui sopra avrai a disposizione i moduli necessari per l´invio dei reclami (sono anche scaricabili dal sito) e la necessaria assistenza nella loro compilazione e nella loro consegna ad HERA e all´Agenzia regionale. E´ necessario presentarsi allo sportello con la bolletta completa, o almeno il codice Cliente. Il comitato mette inoltre a disposizione l’eventuale assistenza legale necessaria ad affrontare eventuali iniziative ritorsive di HERA”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati