A Bologna si muore più per incidenti stradali che per droga


Nel 2009 sono morte 24 persone sulle strade cittadine, quattro in più rispetto al 2008.

11 gennaio 2010 - 17:53

Gli incidenti stradali a Bologna sono tornati a crescere. Dai primi dati in possesso della Polizia municipale, nel corso dell’anno appena terminato, sono morte 24 persone sulle strade cittadine, quattro in più rispetto al 2008. Si parla di circa 3.000 sinistri, con 7.000 persone coinvolte di cui 30 in prognosi riservata. I dati sono stati resi noti alla vigilia della Giornata 2010 per l’educazione e la sicurezza stradale.
Non per fare improbabili parallelismi, ma per ricordare lo sproporzionato allarmismo che solitamente si fa su un fenomeno sociale come quello della droga, a differenza delle accattivanti promozioni alle auto scattanti e con tanti “cavalli”, i morti per overdose in città, nel 2008, sono stati 10 (i dati del 2009 non sono ancora disponibili). La punta per i decessi per droga si era avuta nel 2006 con 30 morti, negli successivi il numero delle persone decedute è per fortuna calato.
Allora, non sarebbe il caso che questa amministrazione prendesse di petto la questione del traffico e, in primo luogo, la sicurezza di ciclisti e pedoni?
E non abbiamo parlato degli effetti dello smog fatto uscire dai tubi di scappamento dei veicoli a motore, perché altrimenti il bilancio sarebbe drammatico.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati