Contestarono i militari il 2 giugno, tutti assolti


Insufficienti le prove secondo il giudice monocratico

22 aprile 2010 - 13:17

Duecento persone parteciparono in Piazza Maggiore alla contestazione della parata militare del 2 giugno 2006, contemporaneamente a molte altre città italiane. A fischiare i militari ed esporre striscioni c’erano Tpo, Crash, Vag61 e Livello57, gli anarchici del Circolo Berneri, gli studenti della Rete Universitaria, la Cub.

L’accensione di un fumogeno, il lancio di un petardo e di alcuni pomodori avevano fatto scattare la denuncia per cinque dei dimostranti, ieri assolti.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati