17 novembre, “per sostenere i nostri studenti, in una protesta che è la nostra protesta”


Il Coordinamento precari della scuola di Bologna in un comunicato annuncia l’adesione alla giornata di mobilitazione lanciata dagli studenti medi.

15 novembre 2010 - 16:34

Il Coordinamento dei precari della scuola di Bologna aderisce e partecipa alla manifestazione lanciata dagli studenti delle scuole superiori per il 17 novembre, in occasione della giornata internazionale di mobilitazione studentesca che qui a Bologna vedrà, nel pomeriggio, la presenza di numerose realtà tra quelle che in questi giorni protestano contro la precarietà del lavoro e la privazione dei diritti.

Un’occasione importante per sostenere i nostri studenti, principali destinatari dei danni provocati dai tagli e dai provvedimenti ministeriali, in una protesta che è la nostra protesta; per ribadire il nostro no, la nostra indisponibilità a collaborare al progetto di demolizione dell’Istruzione pubblica in atto; per stringere legami più stretti con chi nella Scuola, nell’Università e in tutto il mondo lavorativo o semplicemente cittadino, ritiene necessario mobilitarsi in difesa dei beni comuni e si oppone con fermezza al tentativo di smantellare i diritti e le dinamiche democratiche del nostro Paese.

PER QUESTO PARTECIPEREMO AL CORTEO CHE PARTIRÀ DA P.ZZA SAN FRANCESCO ALLE ORE 10

E AI DIBATTITI CHE SI SVOLGERANNO NEL PRIMO POMERIGGIO IN PIAZZA SANTO STEFANO SAREMO PRESENTI CON UN NOSTRO BANCHETTO INFORMATIVO.

Coordinamento precari della scuola di Bologna

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati