«Ma quanto siete ridicoli…»


Riceviamo e pubblichiamo: sui recenti attacchi e provocazioni contro il Lazzaretto Autogestito.

20 aprile 2010 - 17:33

Muove veramente a compassione verificare quotidianamente con quanta sagacia il signor Dalrio continua a portare i suoi inconsistenti attacchi contro il Lazzaretto . Questo signore, sembra assolutamente inconsapevole di quanti problemi reali abbia Bologna, una città che sta subendo duramente il peso della crisi economica: 3000 famiglie sotto sfratto esecutivo, migliaia di lavoratori in cassa integrazione, ecc… e dal Rio continua a dedicare le sue strabilianti doti intellettuali alla crociata anti-Lazzaretto….

Sappiano il signor dal Rio, e tutti i suoi accoliti, che il Lazzaretto è un rospo che dovranno ingoiare.

Abbiamo acquisito il diritto ad avere una sede in questa città con oltre 20 anni di attività politiche e sociali che hanno coinvolto decine di migliaia di persone e continueremo a gestire l’ex Dazio fino allo scadere dei termini della convenzione. Che gli piaccia o no.

Gli ricordiamo inoltre che già una volta ha dovuto porgerci pubblicamente le sue scuse.

Se vuol far carriera politica, guadagni voti per il suo schieramento, lavorando seriamente attorno ai problemi reali della gente anziché continuare a fomentare allarmismi insensati.

Infine, volgiamo denunciare alcuni atti intimidatori di cui siamo stati oggetto, l’ultimo dei quali, ad opera dei soliti ignoti sfigati, che hanno danneggiato alcuni mezzi di proprietà collettiva del Lazzaretto, causandoci ingenti danni economici ma rinforzando la nostra determinazione.

Ribadiamo inoltre l’invito a tutti i cittadini del quartiere ad entrare in contatto con noi. Siamo disponibili ad accattare qualsiasi proposta e qualsiasi critica, purchè finalizzate all’interesse collettivo.

Discutendo serenamente e a viso aperto qualsiasi problema può essere risolto.

Il Lazzaretto Autogestito vi ringrazia per l’attenzione

Via Mattei n.28

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati