«Il cambiamento è possibile, la consapevolezza di ciò passa solo dall’autorganizzazione»


Al Berneri un appuntamento settimanale, ogni sabato pomeriggio, per «studenti e precari libertari»

19 gennaio 2011 - 11:41

> Il comunicato:

Le occupazioni delle scuole e delle università hanno avuto come miglior risultato quello di delineare nella pratica un’alternativa possibile ai modelli dominanti di formazione e di socializzazione, che è emersa negli spazi finalmente aperti alla libera fruizione da parte di tutto il corpo sociale studentesco.

Oltre ai contenuti di libertà e di critica messi in campo nei momenti assembleari e di laboratorio, si è potuto assistere all’autonomo sviluppo di una coerente pratica di organizzazione autogestionaria, unica vera strada per uscire rafforzati dalla crisi del vigente stato della società.

Il rifiuto della delega in bianco, la scelta della responsabilizzazione individuale e collettiva, la volontà di azione sono modalità concrete per costruire, nei luoghi di formazione e di lavoro, alternative possibili all’autoritarismo ed allo sfruttamento del Capitale.

La presenza, la partecipazione, la critica e la proposta sono strumenti insostituibili per sviluppare la mobilitazione ed essere protagonisti nella riappropriazione del nostro futuro.

Come studenti e precari libertari ci proponiamo di intervenire con coscienza alla costruzione di un’alternativa al sistema sociale e politico dominante, da elaborare collettivamente in confronti orizzontali e sinceri, senza alcuna predeterminazione e verticismo.

Il cambiamento è possibile; la consapevolezza di ciò passa solo dall’autorganizzazione.

Discutiamone assieme ogni sabato al Circolo anarchico “C. Berneri”(cassero di Porta S. Stefano)

Appuntamento alle 13:30, con pranzo ed assemblea

Studenti e precari libertari

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati