«Al fianco dei ricercatori!»


Il Collettivo Universitario Autonomo solidarizza con i ricercatori colpiti dal ricatto dell’Alma Mater

15 settembre 2010 - 18:13

> Il comunicato:

Esprimiamo lo nostra totale solidarietà e sostegno alla mobilitazione che
stanno portando avanti i ricercatori dell’Ateneo di Bologna.
Di fronte ad un Senato Accademico e ad un Rettore che fanno un’operazione durissima per ricattare e depotenziare questa sacrosanta lotta, che non può non apparire che come una sorta di appello ai crumiri, evidente segnale che l’iniziativa di Marchionne contro i diritti operai è già uscita dalla fabbrica e investe anche la formazione. Non possiamo fare altro che affermare che il blocco della didattica, di questa didattica, è la più grande operazione di responsabilità che i ricercatori possano fare.
Responsabilità verso il presente ed il futuro dei giovani, della formazione, della ricerca.
Da più di dieci anni l’università viene distrutta a colpi di riforme e
tagli che non han prodotto altro se non un costante incremento della
precarietà, dei costi di accesso, un deterioramento dell’offerta formativa e della libertà di creazione di saperi e di ricerca, ed un escalation dei meccanismi di inclusione differenziale.
Solo rilanciando con determinazione le lotte è possibile conquistare un presente ed un futuro degni e ricchi di saperi e cultura, di fronte alla mercificazione asfissiante e ad un progetto di università che somiglia tremendamente al Progetto Italia: rigorosa disciplina, ricattabilità, produttività estenuante, riduzione dei salari, cancellazione dei diritti.
Per questo riteniamo che il momento sia decisivo: o ora o mai più!
Al fianco dei ricercatori, che non sono soli ma con un mondo che in tutta Italia, dai genitori ed insegnanti delle scuole primarie, passando per i precari della scuola e dagli studenti, sono impegnati in una lotta comune che parla il linguaggio della dignità e dei diritti di fronte a chi non propone altro che un impoverimento completo e definitivo.

Collettivo Universitario Autonomo _ Bologna

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Share on Tumblr


Articoli correlati